Casinò online: ecco quanto spendono gli italiani

di 

30 aprile 2019

eurobet casinoIn Italia esiste una grande passione per il gioco d’azzardo. A testimoniarlo sono i dati che parlano di un 2018 in cui in questo settore sono stati raccolti la bellezza di 107,3 miliardi di euro, segnando un aumento del 5,6% in più rispetto al 2017. Rispetto all’anno precedente gli italiani hanno speso 18,9 miliardi di euro in più, mentre 10 miliardi sono finiti nelle casse del fisco italiano. Ad ogni modo, confrontando i dati forniti da Agimeg, si evince come la spesa degli italiani si sia sostanzialmente stabilizzata tra il 2017 e il 2018.

Analizzando i dati emerge come il 45% del totale della spesa sia ascrivibile ad apparecchi di intrattenimento come VLT (sigla con cui vengono indicate le videolottery) e le slot machine. Sebbene le slot abbiano fatto registrare un calo del 5,2% nel loro utilizzo, passando da un guadagno di 25,4 miliardi di euro ad un guadagno di 24,5 un miliardi di euro, restano sempre un passatempo molto amato. Le VLT, invece, continuano la loro crescita segnando un +3,3% e arrivando a riscuotere una cifra di 24,3 miliardi di euro.

Gioco online: i dati relativi al 2018

Osservando i numeri del 2018 balza subito all’occhio come a registrare i maggiori progressi siano stati in particolar modo i portali sui quali viene offerto gioco online. La seconda voce di raccolta per il 2018, infatti, dopo le apparecchiature elettroniche è rappresentata dal gioco online. I casinò games hanno fatto registrare un incremento del +2,6% mentre il poker a torneo ed il poker cash hanno avuto una leggera flessione perdendo rispettivamente l’1,5% e il 3%. Nel complesso i casinò games hanno fatto registrare una raccolta che si aggira attorno ai 23,3 miliardi per il 2018. Anche il fisco italiano ha potuto beneficiare degli introiti del gioco online per una cifra vicina ai 168 milioni, mentre invece la raccolta derivata dalla spesa totale nel settore del gioco è vicina agli 850 milioni.

Casinò online: le previsioni per il 2019

E per quanto riguarda il 2019? I primi dati forniti dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ci dicono che nel mese di febbraio gli italiani hanno già speso 61,4 milioni di euro giocando ai giochi casinò online. Rispetto allo stesso mese dell’anno scorso c’è stato un incremento dell’11,9%. A ritagliarsi il ruolo di leader è PokerStars, azienda che ha raccolto una quota del 9,2% della spesa totale, seguita da Sisal e Lottomatica: Sisal ha raccolto una percentuale del 7,9% sulla spesa totale, mentre Lottomatica del 7,5%. Incoraggianti anche i dati riguardanti compagnie come Eurobet, Snaitech e Sks365 che hanno aumentato le proprie quote di mercato. Le principali incognite relative al gioco online nel 2019 sono legate all’introduzione delle norme del Decreto dignità, provvedimento che impedisce la pubblicità per quanto concerne il gioco d’azzardo. Ad ogni modo è ancora troppo presto per parlare di effetti negativi.

Il gioco online e l’informazione dopo il divieto di pubblicità

Un’analisi condotta dall’agenzia di ricerche sul mercato EMG Acqua per conto di LOGICO (associazione che rappresenta gli operatori di gioco online) racconta come l’eliminazione della pubblicità abbia finito per creare un po’ di disorientamento nei consumatori. Ciò che emerge è che solo il 10% degli italiani ritiene di essere sufficientemente informato sulle garanzie e le tutele relativamente ai giochi online. Sempre da questa ricerca emerge come i consumatori desiderino essere maggiormente informati sui giochi on-line attraverso qualunque media. Nel frattempo le associazioni di categoria non perdono tempo e vagliano nuove proposte da discutere con gli esponenti dell’attuale Governo per migliorare la situazione e provare a ovviare alle nuove sfide a cui va incontro l’intero settore.

Commenti chiusi.