Pesaro-Pola, la ravennate Mr.Hyde vince la 35^ regata e si aggiudica il primo trofeo della Lega Navale nazionale

di 

6 maggio 2019

regata pesaro polaPESARO – Conclusa la 35esima edizione della regata sulla rotta dei trabaccoli, che da tre anni ha cambiato destinazione – non più Rovigno ma Pola – ma non ha cambiato lo stile con la quale si svolge, un bel mix fra agonismo, divertimento e amicizia fra i due popoli che si guardano dalle opposte sponde del mare Adriatico. Un’edizione condizionata dal maltempo, tanto che l’ultima manche, quella di ritorno, è stata anticipata di un giorno facendo saltare la tradizionale regata fra le isole. E nonostante ciò, solo 13 imbarcazioni si sono presentate al via sabato mattina a Pola.

Per la prima volta la Lega Navale nazionale, che ha inserito la “regata sulla rotta dei trabaccoli” fra i suoi eventi di punta annuali, ha voluto mettere in palio un trofeo. E dunque la prima Coppa Challenger che premia il vincitore assoluto della Pesaro-Pola se l’aggiudica Mr.Hyde, l’imbarcazione ravennate timonata da Marco Rusticali, del Club Nautico Savio, che era già arrivata per prima in Croazia all’alba del 3 maggio.

C’è poi un altro premio importante da segnalare, comunque gratificante perché premia la barca più veloce nelle due traversate, da Pesaro a Pola e da Pola a Pesaro, escludendo dunque le imbarcazioni che, col nuovo regolamento, possono rientrare ai propri porti anziché su Pesaro. La Coppa Challenger messa in palio dall’Assonautica va così a Seleanna II dello skipper Vincenzo Moretti che corre per il Pineto Centro Velico di Giulianova. Sabato prossimo alle 17, nella sede della Lega Navale pesarese, verranno effettuate poi anche le premiazioni di tutti i vincitori delle varie classi e della veleggiata.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>