Frega (Silp-Cgil): “Ma quale potenziamento? Basta annunci bluff”

Pierpaolo Frega*

PESARO – Siamo sobbalzati sulle sedie quando abbiamo letto la nota del ministro dell’interno che prevederebbe “secondo lui” una pioggia di rinforzi nel nostro territorio, come mai accaduto, dopo anni di tagli che hanno penalizzato la sicurezza dei cittadini e le forze dell’ordine.

Pierpaolo Frega (Silp Cgil)

Pierpaolo Frega (Silp Cgil)

Ma veramente il ministro dell’interno pensa di giocare sulla pelle dei cittadini e delle donne e uomini in divisa facendo questi proclami?

Non tradisca il titolo ad effetto: ” 55 uomini per le forze dell’ordine nella provincia di Pesaro”.
Andiamo a leggerli attentamente: In vista della stagione estiva verranno “AGGREGATI” 30 carabinieri e successivamente, solo per il mese di agosto, 10 operatori della Guardia di Finanza, (quindi 40!) che il 31 agosto faranno rientro nelle loro sedi di appartenenza e quindi ciao rinforzi.
Mentre per la questura e i commissariati per quest’estate, non verrà aggregato nessun operatore 
 Dei 15 rimanenti, per fare “quota 55“, per la Polizia di  Stato è giusto precisare che saranno a titolo effettivo nei nostri uffici, ma bisogna spiegare quando e come saranno operativi: 2 a breve, 10 a dicembre e gli ultimi 3 ad aprile 2020! Quindi il vero surplus effettivo sarebbe di 15 unità, che peró bilanceranno esclusivamente  i pensionamenti previsti.
Quindi questa politica di rinforzi venduta dal ministro altro non è che un “mantenimento” degli organici.
 Va da sé che la evidente carenza degli organici della Polizia di Stato, rispetto alle nuove immissioni al ruolo di Agenti serviranno appena a coprire i pensionamenti (circa 3000 unità in meno all’anno) cosa questa che ci induce a parlare di mantenimento e non di potenziamento, considerando che per ripianare l’organico c’è bisogno di un piano costante di assunzione di 40.000 unita nel prossimo decennio nella sola Polizia.
Se si smettesse di fare perenne campagna elettorale lanciando proclami illusori nei confronti dei cittadini e si affrontassero concretamente le questioni probabilmente certi “annunci” non ci troveremmo a smontarli pezzo per pezzo, anzi saremmo i primi a sostenerlo, soprattutto perché i nuovi agenti che entreranno a breve sono figli dello sblocco assunzioni voluto dal Governo Gentiloni, quindi nemmeno di questo esecutivo.
L’unica vera certezza che all’alba di oggi inizierà il 158º giorno senza rinnovo del contratto.
Ecco forse anziché sparare numeri a fantasia il Ministro potrebbe ripartire adeguando lo stipendio alle donne e agli uomini in divisa cui dice di essere tanto vicino.
*Segretario Silp-Cgil Pesaro-Urbino 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>