F1 Gp del Canada, riscossa Ferrari: pole record di Vettel

MONTREAL (Canada) – Sebastian Vettel riaccende le speranze Ferrari con una pole record, sul cittadino di Montreal, intitolato al grande Gilles Villeneuve. Il tedesco alla sua quinta pole su questa pista, non partiva dalla prima casella dal gp di Germania 2018, rifilando 206 millesimi al suo rivale di sempre Lewis Hamilton. Il penta campione e leader provvisorio, dopo il “bacio” al muro nelle libere di ieri, ha ritrovato la concentrazione alternandosi al comando in diverse fasi di questa qualifica. Al ruggito di Vettel fa eco quello di Charles Leclerc, terzo e spesso leader nelle prime fasi delle qualifiche. Un risultato che non può che far bene agli uomini del Cavallino ed ai suoi tifosi, la situazione come tutti sanno è complicata, quelle di oggi sono sempre le prove, cioè non si assegnano punti, ma comunque è un segnale che dimostra la volontà di reazione del gruppo capitanato dall’ingegner Binotto.

Ovviamente bisogna ammettere che è difficile che la Mercedes ed Hamilton si spaventano, però iniziare a mettergli il bastone, pardon la SF90 fra le ruote, chissà potrebbe essere più che un fastidio per l’armata teutonica, perché dominare in solitario è una cosa, farlo dovendo battere la… Ferrari è un’altra, oltre al giovamento che ne trarrebbe lo spettacolo di una F.1 ancora alla ricerca del tempo che fu. Vedremo quello che succederà in gara, su una pista che spesso ha riservato sorprese.

LA TOP TEN

In seconda fila al fianco di Leclerc troviamo con piacere Daniel Ricciardo, l’australiano rispolvera il suo sorriso, per festeggiare una grande prestazione con una Renault che ancora deve dimostrare ancora molto. Quinto un sempre ottimo Pierre Gasly, con l’unica Red Bull superstite, dopo l’errore fotocopia di quello della Ferrari con Leclerc a Montecarlo, che ha escluso Verstappen dalla Q3. Sesto posto per un deludente Bottas, che sembra aver perso lo smalto di inizio stagione, dopo aver dichiarato “battaglia” al compagno Hamilton. Settimo è Hulkenberg con l’altra Renault, a conferma di una certa crescita della monoposto di Vichy, alle spalle del tenace tedesco troviamo le due McLaren con il giovane Lando Norris, sempre più rivelazione davanti a Carlos Sainz, che sta un po’ soffrendo l’arrivo del giovane inglese. Decimo è Magnussen, senza tempo perché il danese ha “stampato” alla fine della Q2, la sua Haas- Ferrari contro il famigerato muro all’entrata del rettilineo finale, imitando quello che avevano fatto Hamilton e Verstappen venerdì. Una botta cruenta, per fortuna senza danni per il pilota, trasportato comunque precauzionalmente al centro medico per controlli risultati come detto negativi, permettendogli di essere al via.

Stasera con diretta esclusiva Sky alle 20.10 e differita su Tv 8 alle 21.30, con una Ferrari bisognosa di una vittoria, una Mercedes e un Hamilton sempre assettati di record, ed un plotone di avversari pronti a salire agli onori della cronaca sfruttando qualsiasi evenienza favorevole, come spesso si è verificato spesso al “Gilles Villneuve” di Montreal.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>