La nuova pescheria il giorno dopo l’inaugurazione tra critiche, ironia, apprezzamenti e domande

di 

6 luglio 2019

nuovo mercato del pescePESARO – Il giorno dopo l’inaugurazione è come il giorno prima. La nuova pescheria, il mercato coperto del pesce in Calata Caio Duilio, è vuota. Il pesce è in vendita nelle vecchie bancarelle e la struttura accoglie solo qualche pittore impegnato nel concorso collegato alla Festa del Porto.

Così non mancano le critiche, alcune divertenti, altre pesanti, magari ispirate al proprio credo politico.

Trascuriamo queste ultime, ma alcuni si chiedono perché sia stata inaugurata una struttura ancora da ultimare.

“Come per la piscina del Pentathlon, che non era stata collaudata ma portò a Pesaro l’allora presidente del Consiglio, Gentiloni. Evidentemente il sindaco ha bisogno di continue passerelle…”, commenta ironico un frequentatore abituale del porto.

A prescindere dalle idee, la struttura è oggettivamente più adeguata alle necessità dei venditori e degli acquirenti. Semmai ci si chiede, e una storica operatrice lo ha sottolineato fin dal primo giorno dei lavori, cosa succederà quando, in autunno-inverno, soffieranno i venti dai quadranti settentrionali e gli addetti, anzi le addette alle vendite saranno prese di mira dalle raffiche gelide di tramontana e maestrale. Già, perché la nuova tettoia ha cambiato la disposizione. Oggi, le bancarelle guardano la Calata; domani saranno rivolte al mare.

mercato del pesceInfine, una domanda non da poco su un tema molto sentito da chi lavora dal mattino presto fino all’ora di pranzo: va bene le panchine, assai suggestive a forma di barchetta, ma i servizi igienici?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>