Il maltempo manda in tilt la città: code, alberi caduti e comportamenti incivili. Contro la grandine assalto ai garage degli ipermercati

Questo slideshow richiede JavaScript.

PESARO – Aspettavamo la pioggia, è arrivata. Peccato che l’abbiano accompagnata vento e grandine, creando non poche difficoltà alla città e alla provincia che hanno rischiato di andare in tilt.

È accaduto poco dopo le 17, quando il cielo fattosi sempre più scuro ha ricordato gli accadimenti di poco meno di un anno fa, il 16 luglio 2018.

Ed è stato un fuggi fuggi generale. Presi d’assalto i garage coperti degli ipermercati, ma anche le pensiline dei distributori. Gli automobilisti più accorti, o più fortunati, memori dei disastri di un anno fa, non hanno voluto correre rischi. Lunghe le code all’Ipercoop e al Rossini Center, grande apprensione per i chicchi di grandine e le raffiche di vento che accompagnavano la pioggia di rara intensità. Ma, per carità, la “bomba d’acqua” lasciamola a un giornalismo copia e incolla che vive di titoli televisivi ad effetto.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dunque, code all’entrata dell’Ipercoop Miralfiore (foto) a caccia di un parcheggio che ha scatenato lo scarso senso civico che sembra essere entrato nella nostra pelle. Manovre proibite pur di rubare uno spazio ad altri automobilisti, e finalmente un tetto sulle nostre teste. Peraltro prese di mira dall’acqua che ha messo a dura prova la tenuta del grande centro commerciale malgrado l’abnegazione dei dipendenti e della sicurezza. Piano interrato invaso dall’acqua, scale mobili bloccate, mentre – incredibile a dirsi – scattava l’allarme incendio. Entrata principale allagata e decine e decine di clienti a osservare, preoccupati, i chicchi di grandine.

Le sirene raccontavano tanti interventi degli operatori del soccorso, mentre la circolazione andava in tilt, ovunque. Complice anche il comportamento incivile di qualche automobilista, come dimostra la foto seguente colta in Via Gradara, che pur di non fare la coda invadeva la pista ciclabile, rischiando di centrare un povero ciclista che peraltro avanzava contromano.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lunghe le code nelle Vie Gradara (chiusa per allagamento) e Milano, invasa dall’acqua.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sulla vicina pista ciclabile del fiume Foglia s’abbattevano alcuni alberi. Assai peggio andava in altre parti della città, soprattutto in centro, in particolare tra le vie Piave e Picciola, e in zona mare.

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>