Aggredisce la moglie nel sonno a colpi di martello. Rintracciato dopo due giorni, tenta le fuga (invano) calandosi dalla finestra con lenzuola annodate

di 

12 luglio 2019

FOSSOMBRONE – I Carabinieri della Stazione di Terre Roveresche e di Fossombrone, coadiuvati dai colleghi del Nucleo Operativo e della Stazione di Fano, hanno sottoposto a fermo per tentato omicidio della coniuge L.S., 74enne, pensionato, con plurimi precedenti penali, originario di Serrungarina. I fatti sono avvenuti martedì notte in un’abitazione del centro storico di Fossombrone. Al termine dell’ennesimo litigio, la moglie, 43enne di origini cubane, si era addormentata ed il marito l’aveva aggredita con un martello, colpendola ripetutamente alla testa ed al volto. La donna aveva avuto però la forza di reagire, riuscendo a bloccarlo ed a chiamare i soccorsi.

L’uomo era rimasto con lei fino all’arrivo dei soccorsi, ma subito dopo, forse perché si era reso conto della gravità del gesto, si era allontanato sottraendosi alle ricerche dei carabinieri prontamente intervenuti su richiesta del 118.

Le lenzuola annodate per il tentativo di fuga

Le lenzuola annodate per il tentativo di fuga

L’autoambulanza aveva trasportato l’infortunata presso il pronto soccorso dell’ospedale di Urbino dove i sanitari locali le avevano riscontrato diverse fratture alla tempia ed alla mandibola, stilando una prognosi di trenta giorni e disponendo il ricovero nel nosocomio.

Il Pubblico Ministero Simonetta Catani, Sostituto della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Urbino, a poche ore dall’aggressione, aveva emesso un decreto di fermo dell’aggressore che continuava intanto a rendersi irreperibile. Dopo due giorni di ricerche, i Carabinieri della Compagnia di Fano avevano individuato il possibile nascondiglio del ricercato in un’abitazione di Carrara di Fano nella disponibilità di un amico stretto del ricercato. L.S., forse avvedutosi della presenza dei Carabinieri, aveva tentato di fuggire dall’abitazione posta al primo piano, calandosi da una finestra annodando alcune lenzuola a mo’ di corda, ma era stato prontamente inseguito e bloccato dagli operanti che, dopo le formalità di rito, lo avevano associato presso la casa circondariale di Pesaro.

Il G.I.P. del Tribunale di Pesaro ha convalidato il fermo e gli ha applicato la misura cautelare della custodia in carcere. L’amico che lo aveva nascosto è stato invece denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Pesaro per favoreggiamento personale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>