Reti da pesca oltre la misura consentita, sequestro amministrativo e 2mila euro di multa a un motopeschereccio fanese

di 

2 agosto 2019

Jpeg

Il sequestro di reti

PESARO – Durante i controlli di rito in mare la Motovedetta della Guardia Costiera C.P. 2086 ha intercettato un motopeschereccio fanese che rientrava dalla battuta di pesca con un numero di attrezzature superiore a quello consentito, in violazione delle pertinenti disposizioni europee e nazionali. Nello specifico l’unità da pesca aveva adoperato, nel corso della sua attività professionale, undici chilometri di reti da posta, oltrepassando la quantità consentita, così come disciplinato dal Regolamento CE 1967 del 21.12.2006. A carico del trasgressore è stata pertanto elevata una sanzione amministrativa di 2.000 euro e sono stati applicati d’ufficio i punti a carico sia della licenza di pesca che del Comandante del motopeschereccio. I Militari della Guardia Costiera hanno inoltre proceduto al sequestro amministrativo di 5.000 metri di “reti ad imbrocco” non espressamente permessi e del prodotto ittico provento dell’attività di pesca effettuata con le medesime reti non consentite.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>