ROF, ma che bel Ferragosto nel Teatro Rossini con gli Italian Harmonists, cinque voci della Scala

di 

14 agosto 2019

Gli Italian Harmonists

Gli Italian Harmonists

PESARO – L’appuntamento mattutino di Ferragosto non è una novità per il Teatro Rossini. Uno dei più belli, nella nostra memoria, fu tanti anni fa, quando gli Amici della Lirica conferirono il Rossini d’Oro a Claudio Abbado. Era sabato 15 agosto 1992, una giornata di caldo torrido, eppure il tempio rossiniano accolse centinaia di appassionati, a conferma che il Ferragosto può essere occasione d’altro che non sia la solita gita in campagna o il bagno al mare.

Nel ricordo di quel giorno indimenticabile, ci permettiamo d’invitare chi non avesse già un programma della giornata di domani a valutare l’opportunità di trascorrere un Ferragosto diverso.

Il Rossini Opera Festival propone un matinée che s’annuncia particolarmente invitante: alle ore 11 saranno sul palcoscenico gli Italian Harmonists, un quintetto semplicemente unico nel panorama nazionale: cinque voci della Scala che, come è scritto nel comunicato diffuso dall’ufficio stampa del ROF, s’ispirano a un gruppo berlinese, i Comedians Harmonists “un importante gruppo vocale berlinese attivo tra il 1928 e il 1935, costretto, con la salita al potere del Nazismo, prima a modificare il proprio organico poiché tre dei componenti erano ebrei, e poi allo scioglimento”.

Grazie alla comune formazione di cantanti professionisti, unita per alcuni di essi ad una altrettanto professionale formazione di strumentista, le cinque voci della Scala hanno confezionato un concerto che propone noti brani di musica classica in arrangiamenti storici oppure originali ed inediti realizzati dal pianista Jader Costa e dal tenore Massimiliano Di Fino: il Minuetto di Boccherini; la Quinta Danza Ungherese di Brahms; Träumerei di Schumann nell’arrangiamento di Bruno Seidler-Winkler; la celebre Danza di G. Rossini (armonizzata a cinque voci) che per questa occasione speciale verrà affiancata anche da altri due brani sempre tratti dalle Soirées musicales e da una delle più celebri arie d’ opera: la Cavatina di Figaro dal Barbiere di Siviglia; la Barcarola di Offenbach qui riproposta in tre diverse tessiture vocali; la Sinfonia del Nabucco, nella loro trascrizione inedita.

Gli Italian Harmonists sono: Massimiliano Di Fino (tenore), Luca Di Gioia (tenore), Andrea Semeraro (tenore), Giorgio Tiboni (tenore), Sandro Chiri (basso). Al pianoforte, Jader Costa.

Poi, alle ore 20, sempre nel Teatro Rossini, la seconda rappresentazione di Demetrio e Polibio.

Un commento to “ROF, ma che bel Ferragosto nel Teatro Rossini con gli Italian Harmonists, cinque voci della Scala”

  1. Gent.mo Sig. Murgia,
    abbiamo letto e condiviso con emozione e gioia la sua splendida recensione.
    La ringraziamo di cuore per aver saputo trasmettere attraverso le sue parole, ciò che anche noi abbiamo sentito e vissuto durante l’ esibizione.
    Certo, una maggior pubblicità ci avrebbe aiutato, ma come ha detto giustamente lei gli assenti hanno sempre maledettamente torto.
    Con stima e gratitudine.
    Andrea, Luca, Giorgio, Max, Sandro e Jader

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>