Pesaro ha celebrato i 70 anni della casa automobilistica Abarth ospitando Anneliese, moglie del fondatore Carlo Abarth

di 

21 ottobre 2019

72998239_3058152744259396_8115497656781897728_nPESARO – Sabato è stato una giorno speciale, in occasione del 70° anno della nascita dell’ Abarth ,la famosa casa automobilistica specializzata nelle elaborazioni e nella costruzione di auto da corsa, Terra di Piloti e Motori, ASP Dorino Serafini, Ferrari Club Pesaro, ACI Pesaro-Urbino ,Moto Club “Tonino Benelli” e Panathlon, hanno organizzato un convegno al quale ha partecipato la signora Anneliese moglie del fondatore Carlo Abarth. L’iniziativa alla cui realizzazione non ha voluto mancare,con un una donazione alla “Fondazione Abarth” la DI.BA Spa, concessionaria del prestigioso marchio dello “Scorpione” per le province di Pesaro,Ancona e Rimini,  si è svolta presso l’Hotel “Uappala Cruiser”.

Quella di sabato scorso è la prima di una serie di incontri e altre iniziative dedicate ai motori, che hanno nella nostra città e provincia una importante tradizione, come ha sottolineato il Presidente di “Terra di Piloti e Motori”, l’Ingegner Alberto Paccapelo, nel suo intervento di presentazione della serata. Proseguendo il Presidente si è detto soddisfatto e compiaciuto per Il gruppo di lavoro , formato dai principali Club e istituzioni  pesaresi  e marchigiane del settore,tutte presenti alla serata, che si sono uniti spontaneamente per dare vita ad una sinergia.

Il convegno ha visto alternarsi come relatori lo scrittore e giornalista pesarese Franco Andreatini, fine cultore del motorismo storico pesarese ed in particolare “custode” delle memorie di Dorino Serafini, il grande campione pesarese , vittorioso con le due e con le quattro ruote, affiancato da Roberto Saguatti, Presidente del Club Ferrari Pesaro, ma anche grande appassionato della storia dell’ Abarth. Ovviamente la guest star della serata è stata la Sig.ra Anneliese Abarth, che ha risposto alle domande dei conduttori e dei presenti, raccontando  la vita e gli aneddoti  di Carlo Abarth , uno dei “geni” dell’auto e delle corse che hanno portato l’ Italia al ruolo di protagonista nel mondo. Il  marchio dello “Scorpione” , simbolo dell’ Abarth e segno zodiacale del fondatore, è conosciuto per le elaborazioni, prima fra tutte la Fiat 500, “inventate” dal genio di Abarth, e per le auto da corsa che in 70 anni di storia hanno visto lo “scorpione” vincere oltre 10.000 competizioni e stabilire 153 record di velocità e durata. L’Abarth è stata fin dall’ inizio  un punto di riferimento per la Fiat, nel  dare identità sportiva ai suoi modelli, fino ad essere integrata nel colosso di Mirafiori. La Sig.ra Abarth è rimasta colpita ed ha avuto parole di elogio per l’iniziativa e per la passione di tanti pesaresi per i motori, come ha potuto constatare nel visitare in mattinata il Museo Storico Benelli, che racchiude la storia del prestigioso marchio pesarese, ed il “Garage SC Legend” la  prestigiosa collezione privata voluta dai fratelli Danilo e Leonardo Crescentini, in memoria dell’appassionato padre Sandro. La Sig.ra Anneliese, si è anche recata in visita alla DI.BA, soffermandosi nell’elegante spazio dedicato al marchio Abarth, ringraziando i dirigenti che l’hanno accolta, per il contributo alla “Fondazione”, creata per dare seguito alle volontà di Carlo Abarth , il cui ultimo pensiero  rivolto alla moglie è stato quello di custodire, preservare e divulgare la storia della sua vita ed in particolare delle sue “opere”. Anche  le nostre eccellenze di monumenti e luoghi storici abbinate a quelle gastronomiche ed al nostro mare, hanno fatto si che la Signora Anneliese, nel suo ringraziamento per l’evento,ha formulato all’Assessore al Benessere ed allo Sport, Mila Della Dora, intervenuta  in rappresentanza delle istituzioni,  la volontà di tornare il prima possibile a Pesaro come turista.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>