Trasporto pubblico, Biancani: «Finanziati i primi progetti per riqualificare le fermate e l’accessibilità ai mezzi, in arrivo 415mila euro nella nostra Provincia».

di 

22 ottobre 2019

biancani autobus (1)PESARO – Ammontano a 415mila euro i finanziamenti che la Regione Marche ha assegnato ai Comuni della Provincia di Pesaro-Urbino per migliorare l’accessibilità ai servizi del Trasporto pubblico locale su gomma. Il bando, scaduto lo scorso 31 agosto, si rivolgeva alle amministrazioni comunali e ammetteva progetti per adeguare le fermate, soprattutto quelle classificate come ‘principali o con elevata pericolosità’, mettendo in sicurezza i percorsi pedonali. «La Regione – spiega Andrea Biancani (Pd), presidente della commissione ambiente e trasporti – ha stanziato 1 milione di euro per aiutare i Comuni a riqualificare le fermate e per migliorare la sicurezza e l’accessibilità ai mezzi pubblici. Dalla graduatoria nella nostra provincia risultano finanziati i progetti di Pesaro (euro 132.233), Fano (euro 177.475), Carpegna (euro 35.000), Cartoceto (euro 20.000), Lunano (euro 20.000), Mondolfo (euro 11.000) e Piobbico (euro 20.000). Considerata la grande partecipazione e il numero dei progetti idonei, mi auguro che nei prossimi mesi ci siano le condizioni per sostenere ulteriori Comuni in graduatoria».

Gli interventi potevano essere finanziati fino al 100% della spesa ammissibile, nella misura massima di 20mila euro per ogni fermata. «Gli utenti che riescono a raggiungere le fermate agevolmente e ad attendere il passaggio dei mezzi in sicurezza sono stimolati ad utilizzare il trasporto pubblico e questo aiuta anche gli autisti a svolgere meglio il loro lavoro – aggiunge Biancani –. Ringrazio il Presidente Ceriscioli e l’Assessore Sciapichetti per aver scelto di dedicare un bando ai Comuni, perché le amministrazioni conoscono con esattezza le criticità da risolvere e queste sono risorse economiche importanti per la sicurezza e la qualità del servizio. Inoltre questi fondi potranno contribuire ad eliminare le barriere architettoniche che impediscono ai disabili e a tutte le categorie deboli di arrivare alle fermate dei mezzi pubblici».

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>