F1 pole di Bottas ad Austin: nel Gp Usa secondo Vettel, Leclerc quarto

di 

3 novembre 2019

AUSTIN (Stati Uniti)- E’ di Valtteri Bottas la pole position nel GP degli Stati Uniti, ad Austin il finlandese della Mercedes con un giro perfetto compiuto nel primo tentativo della Q3, conquista la sua quinta pole stagionale, interrompendo l’egemonia della Ferrari, “regina” del sabato ininterrottamente dal Gp del Belgio di fine agosto. Se Bottas vola nel deserto del Texas, si “insabbia” se così si può dire Hamilton, quinto dietro a Leclerc. Un Hamilton tranquillo che aspetta la bandiera a scacchi per certificare ufficialmente il suo sesto titolo mondiale, ma come sappiamo l’ asso della Mercedes non è uno da calcoli, quindi domani vedremo se onorerà l’ennesima impresa della sua carriera con un’altra delle sue gare.

FERRARI

Un Sebastian Vettel che anche ad Austin conferma di essersi ritrovato in questo finale di stagione , rispondendo alle “provocazioni” del velocissimo Leclerc. Il tedesco con una buona prestazione affiancherà Bottas in prima fila distaccato di soli 12 millesimi. Dal canto suo Leclerc non va oltre al quarto posto, una prestazione sulla quale ha inciso senz’altro la sostituzione della power unit, rotta nelle libere di ieri e sostituita per non incorrere in penalità con quella “vecchia” utilizzata in Belgio. Il giovane talento monegasco ha comunque disputato una qualifica positiva, anche se forse innervosito dal voler cercare forzatamente la prestazione , è stato autore di alcune sbavature. Calcolando che i primi quattro sono racchiusi in 108 millesimi, Leclerc si pùò giocare le sue chanches, vedremo se avendo al fianco Max Verstappen ottimo terzo, i due galletti del mondiale ci regaleranno spettacolo, ovviamente senza combinare guai e polemiche come avvenuto di recente.

TOP TEN

Continua l’ascesa nelle prestazioni di Alex Albon, il giovane anglo-thailandese porta la sua Red Bull in quarta fila affiancando niente meno che Hamilton, confermandosi con Leclerc e Norris, una delle tre sorprese di questo campionato. Quarta fila tutta McLaren, ormai lanciata nella conquista del quarto posto nel Campionato Costruttori, la blasonata scuderia inglese, rialza la testa dopo gli anni bui dell’era Honda. Sainz conferma il suo ruolo di caposquadra precedendo un comunque sempre positivo Norris, come detto sopra uno dei tre talenti rivelatesi in questo 2019. Chiudono la top ten Daniel Ricciardo, che con la sua classe e grinta cerca di portare nei piani alti una Renault, che continua ad essere l’oggetto misterioso del mondiale. Al fianco dell’australiano partirà Pierre Gasly con la Toro Rosso, ancora una volta velocissimo con la monoposto di Faenza, sulla quale è stato “dirottato” dopo l’inizio del campionato dalla sorella maggiore Red Bull, per lasciare spazio ad Albon, che a detta del boss Helmut Marko più veloce. Il giovane transalpino comunque sta consumando la sua …vendetta con ottimi risultati, tenendo conto che la Toro Rosso per quanto in crescita non è una Red Bull.

LA GARA

Con doppia diretta Sky e TV8 alle 20.10, l’unica previsione o meglio certezza del GP U.S.A. È che Lewis Hamilton festeggerà il suo sesto titolo mondiale, gli basta arrivare a punti per “scongelare” lo champagne messo in frigo da diversi mesi. Vedremo se da campione sempre affamato qual’è Hamilton festeggerà buttandosi comunque nella mischia che proveranno a creare i quattro davanti, tutti per un verso o per l’altro in cerca di gloria e di punti per i gradini del podio alle spalle di Hamilton, nel mondiale piloti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>