Messa in liquidazione della Berloni Group, anche la Cna interviene

di 

29 novembre 2019

Moreno Bordoni, segretario Cna

Moreno Bordoni, segretario Cna

PESARO – La CNA di Pesaro e Urbino esprime sconcerto e viva preoccupazione per la decisione della Berloni Group srl di porre in liquidazione l’azienda. Si tratta di una decisione inattesa che lascia di stucco tutti: maestranze, sindacati, fornitori, istituzioni e che crea un ulteriore tavolo di crisi in un distretto come quello del mobile e arredamento, che soffre già da anni una crisi senza precedenti. Si tratta di una decisione che, oltre a creare una grave crisi occupazionale, rischia di innescare un pericoloso effetto domino. Sono molte le piccole e medie imprese della subfornitura che hanno rapporti con il gruppo Berloni e che ora – a seguito della messa in liquidazione dell’azienda – subiranno pesanti ripercussioni e che vedranno ridursi notevolmente le proprie commesse.

La decisione appare ancor più inspiegabile visto che la storica azienda stava lentamente risalendo la china. “Purtroppo – dice il segretario provinciale della Cna Moreno Bordoni – sono questi i risultati di operazioni di mercato dove le multinazionali estere finiscono per avere responsabilità enormi. Entrano per rilevare storici brand della manifattura italiana a prezzi di saldo con pochissimi capitali e investimenti per poi abbandonarli al loro destino se nel giro di pochissimo tempo non tornano a produrre utili soddisfacenti. I macroscopici casi dell’Ilva e della Whirpool sono un esempio. Se per le multinazionali si tratta di semplici operazioni finanziarie, per queste aziende, per le loro maestranze e per le imprese che con queste lavorano, si tratta molto spesso di sopravvivenza e del loro futuro”.

“Auspichiamo – conclude Bordoni – che possa aprirsi ora un tavolo di confronto e che proprietà, istituzioni, sindacati possano trovare al più presto una soluzione per riaprire l’attività del gruppo e scongiurare una chiusura che sarebbe l’ennesima sconfitta non solo per l’economia della nostra provincia ma per tutto il nostro sistema Paese”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>