Addio al “genio della meccanica”. E’ morto Giancarlo Morbidelli

di 

10 febbraio 2020

PESARO – E’ morto Giancarlo Morbidelli. Il “genio della meccanica” si è spento oggi alle 14 all’ospedale di Fano dove era ricoverato dopo una lunga malattia. Aveva 85 anni. Lascia la moglie Augusta e i figli Letizia e Gianni, che fu noto pilota pesarese di Formula 1.

Se ne va un grande industriale con una passione viscerale per i motori. Dalle sue officine sono state plasmate moto da corsa capaci di conquistare quattro titoli mondiali di motociclismo a fine anni ’70 con piloti come Paolo Pileri, Pier Paolo Bianchi e Mario Lega. Dai suoi laboratori sono usciti veri gioielli della meccanica che per anni sono stati esposti nel Museo Morbidelli di via Fermo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La redazione di Pu24.it esprime le sue condoglianze alla famiglia Morbidelli e vuole ricordarlo con un articolo di Maurizio Bruscolini apparso sul nostro giornale online il 9 marzo 2015 (clicca qui)

Il cordoglio del sindaco Matteo Ricci:

Cordoglio del sindaco Matteo Ricci per la scomparsa di Giancarlo Morbidelli, imprenditore e progettista pesarese noto in tutto il mondo: «Siamo profondamente addolorati – evidenzia il sindaco -. Perdiamo un genio assoluto della meccanica. Una figura fuori dal comune che con talento, coraggio e capacità uniche è stata capace di scrivere pagine indimenticabili nella storia del motociclismo e dei motori pesaresi, veicolandole con passione e grandi traguardi raggiunti a livello mondiale. Difficile sintetizzare il patrimonio umano rappresentato da Giancarlo e racchiuso nella sua esistenza. Mancherà a tutta la città. Siamo vicini alla famiglia in questo momento di dolore», conclude Ricci.

Il ricordo di Mauro Papalini, presidente di Confindustria Marche Nord

“Giancarlo Morbidelli, grande imprenditore della nostra provincia, rappresenta una leggenda per tutti gli appassionati di moto. Le sue intuizioni, il suo coraggio, la determinazione con la quale ha sempre inseguito le sue passioni lo mettono di diritto tra i padri nobili del nostro territorio”.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>