Coronavirus, Varotti (Confcommercio): “Si rischiano danni incalcolabili a turismo e commercio”

di 

26 febbraio 2020

Amerigo Varotti

Amerigo Varotti

PESARO – In merito all’emergenza coronavirus e alle sue ripercussioni sul tessuto economico del territorio è intervenuto questa mattina il direttore provinciale di Confcommercio Amerigo Varotti: “Se questa situazione dovesse perdurare creerà danni incalcolabili a livello economico in tutti i settori produttivi – ha riferito ai microfoni dei colleghi di Radio Prima Rete – e in maniera particolare al turismo e commercio. Già oggi stiamo registrando numerosissime cancellazioni di prenotazioni: non solo nel turismo scolastico, ma in quello normale. Da anni siamo al lavoro per destagionalizzare l’offerta turistica nel nostro territorio, la primavera è un periodo ottimo e invece sta diventando tutto il contrario. Viviamo i riflessi di una situazione nazionale che reputo sia stata aggravata dalla decisione del governatore Ceriscioli di porre sotto sequestro l’intera regione. Non si discute che la salute sia prioritaria, ma mi sembra che con troppa semplicità non si calcoli il danno che si crea al mondo produttivo. C’è una psicosi esagerata: la gente ha già smesso di andare al ristorante e si mettono le basi perché il turista estero eviti l’Italia e di riflesso evitare le Marche. Proprio per la nostra regione si prospettava un anno ottimo: dai 500 anni della morte di Raffaello alla promozione di Lonely Planet. Rischia di essere un anno in cui leccarci le ferite”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>