Pesaro, rinviati al 31 maggio i pagamenti dei tributi Icp, Tosap, Tassa di Soggiorno, canoni concessori e canoni dei fitti attivi

di 

24 marzo 2020

overvalued-euroPESARO – L’Amministrazione Comunale di Pesaro ha deciso di posticipare il pagamento delle tasse comunali. A comunicarlo il sindaco Ricci, insieme all’assessore al Bilancio Pozzi: “Ci siamo presi l’impegno di spostare avanti le scadenze. Una decisione che va oltre i provvedimenti nazionali, ma che abbiamo ritenuto necessaria per andare incontro alle imprese e alle famiglie. Pesaro e l’Italia stanno attraversando un momento molto difficile, il rinvio della riscossione dei tributi è un modo per provare ad alleggerire, almeno in parte, la situazione delle attività, che in questo momento si sono dovute fermare”.

Nello specifico la delibera di Giunta tratta questi tributi locali:

  • Icp (Imposta sulla Pubblicità): il versamento dell’imposta comunale sulla pubblicità relativa all’anno 2020 e in scadenza il 31 marzo 2020, verrà prorogata al 31 maggio 2020.
  • Tosap, Tassa per l’occupazione di spazi e aree pubbliche, rinviata al 31 maggio 2020.
  • Tassa di soggiorno: prorogato al 31 maggio 2020 il termine di scadenza per il riversamento all’Ente dell’Imposta di Soggiorno, riscossa dai gestori delle strutture ricettive nel corso del primo trimestre dell’anno 2020, insieme alla presentazione delle relative dichiarazioni.
  • Canoni concessori e dei canoni dei fitti attivi di competenza dell’Ente, i pagamenti verranno sospesi fino al 31 maggio 2020.

Verranno inoltre sospesi fino al 31 maggio 2020 l’attività di invio degli avvisi di accertamento e degli inviti al pagamento, i piani di rateizzazione riguardanti i tributi locali e le entrate patrimoniali (scadenti nel periodo dall’8 marzo al 31 maggio 2020), i termini dei versamenti (scadenti nel periodo dall’8 marzo al 31 maggio 2020) derivanti da cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione.

Sospesi i termini per il pagamento dei canoni di locazione e concessori relativi all’affidamento di impianti sportivi dell’ente. I versamenti dei predetti canoni sono effettuati, senza applicazione di sanzioni ed interessi, in un’unica soluzione entro il 30 giugno 2020 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di giugno 2020.

La sospensione dei tributi avverrà in maniera automatica, senza necessità di presentare domanda o certificazione.

Un commento to “Pesaro, rinviati al 31 maggio i pagamenti dei tributi Icp, Tosap, Tassa di Soggiorno, canoni concessori e canoni dei fitti attivi”

  1. Esse scrive:

    Che grande impegno che si son assunti, avran sudato non 7 ma 49 camicie per stabilire una simile assurdità… Sono tasse del 2020 in pratica a riscossione immediata e solo spostarle al 31maggio è pazzesco…
    Come si può chiedere tasse dopo questo terremoto per imprese commercianti artigiani e tutte le altre categorie…
    Marzo totalmente saltato, come sarà aprile e di conseguenza bisogna sperare che a maggio ci sia una leggerissima ripresa, ma poi zac la mannaia comunale…
    I soldi al Comune servono ma certamente se si facevano risparmi sulle spese vanesie comunali…
    Se pensiamo che lo slogan era “Basta panico! L’italia riparte”… Adesso cosa si inventerà il vanesio comunale? Suggerirei “Abbiam superato il panico! Tutti falliti! Tanti morti! Si ricomincino le feste”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>