La morte di Gianfranco Gaudenzi, una vita all’Ariston. Fu sua la palla della vittoria in Coppa Italia lanciata da Daye

di 

25 marzo 2020

PESARO – Ogni giorno è uno stillicidio di cattive notizie. S’allunga l’elenco delle vittime da Coronavirus a Pesaro città e in provincia.
1147737-1Nel lungo elenco anche un grande tifoso della Vuelle, la cui morte forse sarebbe passata inosservata se un gruppo di frequentatori dell’Ariston, il noto ritrovo della Pesaro d’allora in Viale della Repubblica, non l’avesse riconosciuto nel manifesto funebre dedicato a Gianfranco Gaudenzi, 58 anni.
Gianfranco è nella memoria di molti, non solo di chi la sera tirava tardi a parlare di basket nel gazebo dell’Ariston. Gianfranco era un amico, non il cameriere. Una persona gentile, apprezzata, anzi stimata da tutti. E come quasi tutti i pesaresi era un appassionato della pallacanestro, della Victoria Libertas.
Il suo momento di gloria attorno al parquet Gianfranco lo ebbe la sera della finale di Coppa Italia 1992 disputata nel PalaFiera di Forli tra la Scavolini di Alberto Bucci e la Benetton di Pero Skansi, che per la cronaca era un frequentatore dell’Ariston. Quando allenava la Vuelle, dal noto locale gestito da Tiziano partivano le  passeggiate in centro del presidente Eligio Palazzetti in compagnia dell’allenatore croato.
Vinse, al termine di una partita emozionante conclusa  dopo supplementare, la Scavolini e Darren Daye lanciò verso la tribuna dei tifosi pesaresi la palla della vittoria. L’oggetto più desiderato della serata, dopo il trofeo alzato al cielo da capitan Magnifico, finì nelle mani di Gianfranco, che con la palla nelle mani si presentò all’Ariston per la pizza e le birre della vittoria. 
Ciao Gianfranco, con te se ne vanno altri ricordi della nostra vita. 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>