Giù il prezzo del latte, su i costi del mangime. Coldiretti Pesaro-Urbino: “C’è chi specula sul Coronavirus”

di 

26 marzo 2020

PESARO – Latte pagato meno agli allevatori nonostante l’aumento dei consumi allo scaffale. Per questo la Coldiretti ha allertato tutta la rete organizzativa a livello nazionale, con gli uffici provinciali e locali, per monitorare gli attacchi contro le stalle, attivando una casella di posta sos.speculatoricoronavirus@coldiretti.it per raccogliere informazioni e segnalazioni, sulla base delle quali agire a livello giudiziario se non verranno fornite adeguate motivazioni. Un modo per monitorare e informare le Istituzioni e gli organi di controllo sugli attacchi speculativi contro le stalle.

latte-italiano-i-marchi-risultati-senza-nessuna-traccia-di-antibiotici-e-farmaci“Nella nostra provincia – dicono da Coldiretti PU – abbiamo segnalazioni di allevatori che si sono visti decurtare – da 40 a 35 centesimi – la quota al litro per il conferimento del latte bovino, mentre abbiamo notizia di riduzioni (ancora non quantificate) anche per il latte ovino, attualmente pagato circa 90 centesimi al litro”. E questo nonostante i consumi di latte e formaggio siano aumentati: Coldiretti su dati Iri ha calcolato un +59% di latte Uht e circa il 30% in più per i formaggi. Di contro, è stato segnalato l’incremento dei costi per le materie prime per l’alimentazione del bestiame come soia, orzo e mais, dovuti a difficoltà di approvvigionamento da parte dei grossisti, ma forse anche in questo caso dietro gli aumenti si nascondono fenomeni speculativi. “Chiediamo prioritariamente di conoscere tutti i quantitativi di latte estero che entrano nella nostra provincia e i nominativi delle aziende che importano tale latte e vigileremo con la massima attenzione tutte le dinamiche in atto nel settore lattiero caseario, denunciando tutti i tentativi di speculazione – attaccano Tommaso Di Sante e Paolo De Cesare, presidente e direttore di Coldiretti Pesaro Urbino – chiediamo anche l’esclusione dei responsabili da qualsiasi forma di indennizzo che il Governo metterà in campo per affrontare l’emergenza Coronavirus: in gioco c’è il futuro di un settore che nella nostra provincia conta oltre 130 realtà tra allevamenti bovini e ovicaprini. Infine, invitiamo ancora una volta i cittadini ad aderire alla campagna #mangiaitaliano per salvare la reputazione del Made in Italy e per difendere il territorio, l’economia e il lavoro”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>