Varotti: “La Regioni si attivi per il take-away dei ristoranti e nell’aiutare i piccoli musei”

di 

23 aprile 2020

Amerigo Varotti*

PESARO – La ristorazione è in rivolta per le lungaggini della politica e la poca lungimiranza dei politici che , pure a stipendio pieno , non hanno messo un euro per aiutare il settore più danneggiato che è quello del turismo e della ristorazione.

Amerigo Varotti

Amerigo Varotti

In questo momento un provvedimento che darebbe un po’ di respiro a ristoratori e pubblici esercizi è la possibilità di effettuare la vendita per asporto (il cosiddetto take away). Rispettando i requisiti di sicurezza sanitaria come già avviene per gli esercizi commerciali di generi alimentari (con annessa gastronomia). Ma la politica dorme  e contribuisce a rendere più difficile la sopravvivenza delle imprese.

Uno spiraglio , però , si è aperto ieri : il Governatore della Regione Toscana , su sollecitazione della Confcommercio , ha emanato una ordinanza  con cui dal 24 aprile , si consente ai ristoratori e attività artigiane ( pizzerie , pasticcerie etc ) la vendita di cibi per asporto ( previa ordinazione on line o telefonica ” garantendo che gli ingressi per il ritiro dei prodotti ordinati avvengano per appuntamenti , dilazionati nel tempo , allo scopo di evitare assembramenti all’esterno e consentendo nel locale la presenza di un cliente alla volta “.)

Invitiamo il presidente Ceriscioli ad adottare anche nelle Marche una identica  disposizione.

E chiediamo che la Regione intervenga immediatamente  anche per la salvaguardia e tutela dei piccoli musei . Tanti , sparsi prevalentemente nel nostro entroterra , custodi della memoria , della cultura e della storia dei territori sono chiusi da due mesi ed hanno perso tutte le visite didattiche nonché i gruppi di anziani e stranieri che hanno cancellato anche le prenotazioni estive. Visite e ingressi che rappresentano la quasi totalità degli incassi annui. Questi piccoli Musei – privati o comunali – rappresentano eccellenze culturali che devono essere  salvaguardate. Per questo la Regione  deve immediatamente  prevedere un contributo per mantenere in vita queste realtà . Importanti dal punto di vista sociale ed economico come lo sono le fabbriche o le aziende agricole.

*Direttore Generale Confcommercio Marche Nord

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>