Nella provincia che ha superato le 500 vittime da Coronavirus il distanziamento sociale funziona male

di 

7 maggio 2020

PESARO – Nella provincia che ha superato i 500 decessi causati dal Coronavirus ci si attenderebbe più rispetto per le regole, più attenzione a osservare – come è stato sollecitato dai virologi, dal governo e dagli amministratori locali – il distanziamento sociale. Invece… 
Domanda: queste foto sono state scattate oggi o il  7 maggio del 2019?
A osservarle attentamente, sembrano di un anno fa, quando il Covid-19 era uno sconosciuto e nessuno avrebbe immaginato che avrebbe cambiato il mondo.
Eppure c’è qualcuno che sembra non credere a quanto sta accadendo. Dovrebbe avere l’umiltà di chiederlo alle famiglie che hanno perso un congiunto, a chi è rimasto senza lavoro, a chi non può riaprire le attività per mancanza di misure di sicurezza. Bar, ristoranti, negozi, parrucchieri, estetiste, teatri sono chiusi, ma c’è chi va in giro ignorando le norme.
Queste foto sono di stamattina, in località Fosso Sejore, al confine tra Pesaro e Fano. Mai vista tanta gente in un giorno feriale di maggio. Le foto raccontano meglio di ogni parola che siamo un popolo restio al rispetto delle regole. Semplicemente pazzesco, visto che c’è di mezzo la salute di tutti.
Foto 1: quattro signore arrivano dalla ciclabile, camminano insieme, senza alcun rispetto per la regola che impone di farlo da soli.
Foto 2:  mentre tre ciclisti, che si erano fermati con il semaforo rosso, si muovono con calma quando scatta il verde, dalla parte opposta, passando con il rosso, arriva un ciclista in mountan bike. È il tipico ciclista del “io sono io e voi non siete un c….“.
Foto 3: come il numero dei ciclisti a loro volta arrivati da Pesaro. Pedalano affiancati, dialogando, come fossimo nel 2019. Poi, sempre insieme, una volta superato il sottopassaggio ferroviario, imboccano la salita che conduce a Roncosambaccio. Altri “Marchesi del Grillo” di casa nostra.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>