Varotti (Confcommercio): “Vanno semplificate le restrizioni per i ristoranti”

di 

29 giugno 2020

Amerigo Varotti*

Amerigo Varotti

Amerigo Varotti

PESARO – Leggiamo sui quotidiani: «Spiaggia: distanze non rispettate, ombrelloni spesso affollati, mascherine accessorio; distanza di lettini ombrelloni proprio come nel 2019». E poi: «assembramento nei luoghi della movida, distanziamenti inesistenti». 

Ed allora la domanda viene spontanea:  perché non semplificare le linee guida per i ristoratori? Abbiamo visto lo scrupolo con cui i ristoratori hanno adottato le norme per il contenimento del virus: mascherine, gel all’ingresso, sanificazione, distanza di oltre 1 metro, igienizzazione costante, eliminazione menù cartacei, controllo delle distanze per comitive, utilizzo di prodotti monouso, ecc. Comportamenti virtuosi che però generano un notevole impegno organizzativo. E tutto ciò mentre, a leggere i quotidiani, fuori dal ristorante (e direi anche fuori dai negozi) non c’è questo rispetto. Questa attenzione.  Ed allora è necessario semplificare la vita dei nostri ristoratori e ridimensionare il protocollo regionale. 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>