A Marotta nasce il primo spazio verde inclusivo: giochi per tutti i bambini nel giardino tra viale delle Regioni e Via Calabria

di 

10 settembre 2020

Giochi inclusiviMAROTTA – Sono iniziati i lavori di installazione di nuovi “giochi inclusivi” nel giardino pubblico situato tra viale delle Regioni e via Calabria.

Il parco verrà arricchito con tre giochi che consentiranno anche ai bambini con disabilità di interagire con i loro coetani, giocando e muovendosi in sicurezza.

Una nuova area giochi nata da un’idea dell’associazione Malarupta e accolta con favore dall’Amministrazione comunale.

Si tratta del primo spazio verde pubblico inclusivo nell’intero territorio comunale, realizzato in modo armonico tenendo conto delle strutture già esistenti.

“Ringrazio l’Associazione Malarupta con la quale abbiamo portato avanti in questi anni importanti progetti legati al sociale. L’inserimento all’interno del parco pubblico di un’area dedicata ai giochi inclusivi, ci rende particolarmente fieri e orgogliosi. Dimostra, ancora una volta, che la collaborazione tra istituzioni e associazioni del territorio può portare a grandi risultati nell’interesse primario della comunità. I giochi e le strutture privi di barriere architettoniche daranno la possibilità, anche ai bambini ipovedenti, in carrozzina o con altre disabilità motorie, di giocare e di trascorrere alcune ore con i loro coetanei. Ci permetterà di garantire ad ogni bambino, così come prevede l’articolo 31 della Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, il “diritto” a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età”.

“Siamo molto soddisfatti per il risultato raggiunto a benificio della comunità – ha commentato Raffaele Tinti, Presidente di Malarupta – Si tratta di un importante progetto rivolto ai bambini con disabilità che è stato possibile realizzare grazie ai ricavi delle tante iniziative che come associazione abbiamo svolto. Un doveroso ringraziamento ai tanti volontari della nostra associazione per il loro costante impegno, al Comune di Mondolfo che ha accolto la nostra proposta ed ha contribuito alla realizzazione del progetto e alla Regione che ci ha sostenuto attraverso un contributo”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>