Lotta all’evasione fai da te: un sito per segnalare chi non emette scontrini o fatture, già 50 casi a Pesaro

di 

14 gennaio 2012

Soldi

PESARO – Lo trovi su internet e lo puoi scaricare sul tuo smartphone. Si chiama tassa.li e si propone come uno strumento per castigare chi non emette scontrino o fattura. Se fino all’altro giorno, al massimo, si poteva fare una telefonata alla Gdf per una segnalazione adesso con un semplice click si può segnalare in quale zona è avvenuto il delitto (non l’esercizio: la mappa interattiva dà infatti solo la possibilità di indicare la zona e, come in un centro storico, dove c’è un numero importante di negozi a distanza ravvicinata, è facile creare confusione). Nella nostra provincia (il servizio è a livello nazionale) non mancano le prime segnalazioni: per ora sono una cinquantina. A Pesaro ne sono stati segnati 23 (14 solo in centro città), a Fano 10, mentre a Urbino-Fermignano-Urbania le segnalazioni sono 8, 3 sono a Saltara, 2 a Mondolfo così come a San Costanzo, poi una a Monteporzio, Sant’Ippolito, Cartoceto, Montefelcino e San Lorenzo in Campo.

Un commento to “Lotta all’evasione fai da te: un sito per segnalare chi non emette scontrini o fatture, già 50 casi a Pesaro”

  1. silvia scrive:

    come può un commerciante effuttuare tutti i scontrini quando i grossisti non ti vogliono fare la fattura? ti rispondono non sono capace , oppure non ho tempo c’è gente da servire. questo succede al mercato di fiori a roma. un mio caro amico ieri mi parlava di questo, ha effettuato 4000 € di scontrini ma è riuscito a fare solo 1000 € di fatturazone, quando di fatture dovevano essere almeno di 2000 €, adesso si ritrova a pagare le tasse in base al suo incasso non regolare in quanto non possiede le giuste spese effettuate, non mi sembra giusto. la cosa piu’ strana è : anche se la finanza interviene , dopo qualche giorno stiamo di nuovo a punto da capo. un’altro fatto diverso da questo? la mia parrucchiera non solo fa ricevute fiscali inferiori al costo effettivo ma, lavora senza l’attastazione della qualifica ricostruzioni unghie riconosciuto dalla regione lazio, ancor peggio, adesso addirittura effettua trucco permanente nello stesso locale dove vengono tagliati i capelli e ricostruire le unghie, sempre senza autorizzazione della regione. in questo caso io intervenirei per tutela delle persone in quanto soggette a seri problemi . la sig stefy di v. gabrio serbelloni n 48/50 roma se la prende comoda e tranquilla.

Rispondi a silvia Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>