Flash religioso

di 

17 ottobre 2012

Lorenzo Chiavetta

Lorenzo Chiavetta

Brevissimamente.

Stamattina mi sono tornate in mente le lezioni di Diritto dell’Informazione, materia che tanto mi appassiona (ci ho fatto due tesi di laurea), all’università. Oltre a ricordare i dettagli della Legge Gasparri piuttosto che della Maccanico, ben enunciati dal professore, ho ripensato a quando lo stesso insegnante ci ha spiegato che la Rai deve dare rilievo, in egual modo, a tutte le religioni.

Ovviamente, nei fatti, c’è una certa sproporzione (e sappiamo a favore di quale fede religiosa). Basti pensare alle numerosissime serie televisive che vedono protagonisti preti e santi.

Ma d’altronde viviamo in un stato laico solo sulla carta, quindi ciò non ci deve stupire.

M’incazzo, invece, per un altro motivo.

Cioè che, anche se il servizio pubblico desse rappresentanza e spazio a tutte le religioni (cristianesimo, islamismo, ebraismo, ecc.), mancherebbe sempre e comunque qualcosa: l’ateismo.

Quand’è che si inizierà a prendere in considerazione – seriamente – la non credenza, che è sempre più diffusa nel nostro Paese?

Lo dico per una questione di rispetto nei confronti di moltissimi cittadini, visto che comunque il canone lo paghiamo tutti, al di là della fede (non) professata.

lorenzochiavetta@yahoo.it

2 Commenti to “Flash religioso”

  1. GIUSEPPE scrive:

    La televisione dovrebbe dare spazio a tutte le religioni ma in proporzione alla popolazione residente di ciascuna religione

    • Lorenzo Chiavetta scrive:

      Caro Giuseppe,
      grazie per il commento.
      Secondo me, la tua proposta non sarebbe una gran soluzione. Ad esempio, al Sud o in Veneto, al contrario, che so, dell’Emilia Romagna, si è molto più cattolici. Ciò significherebbe relegare ai margini diverse religioni.
      Io posso capire che il Cristianesimo sia leggermente rappresentato in misura maggiore, ma solo leggermente… i livelli attuali sono indefinibili.

Rispondi a Lorenzo Chiavetta Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>