Solidarietà per il popolo palestinese: corteo a Pesaro

di 

7 agosto 2014

PESARO – Il coordinamento provinciale per la Palestina, che riunisce collettivi, partiti e associazioni della provincia di Pesaro e Urbino scende nuovamente in piazza sabato 9 agosto alle ore 17.30 con un corteo di solidarietà per il popolo palestinese dalla Palla di Pomodoro, luogo del concentramento, fino a piazza del Popolo, sede della Prefettura e dell’amministrazione cittadina.

“Con questa manifestazione – si legge nella nota – rispondiamo all’appello lanciato da Gaza dal Comitato Palestinese per il Boicottaggio(BNC) e dal Palestinian Students’ Campaign for the Academic Boycott of Israel(PACBI) per una “Giornata della Rabbia” nella quale chiedere con forza una politica di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni verso Israele”.

“L’operazione militare israeliana contro la striscia di Gaza, denominata “Bordo protettivo”  – continua il coordinamento provinciale per la Palestina – è cominciata martedì 8 luglio con il pretesto dell’uccisione di tre giovani coloni israeliani, ha già fatto circa 1900 vittime e non sembra destinata a concludersi nonostante la tregua. A questo proposito il generale israeliano Sami Turgeman, comandante responsabile della regione sud delle Forze  Armate, ha infatti detto molto chiaramente: “L’operazione ’Margine protettivo’ non è finita. Le forze dispiegate intorno alla Striscia sono pronte a continuare. In queste settimane abbiamo potuto vedere l’assurda violenza dell’apparato militare israeliano. Sono state abbattute case, scuole e ospedali in violazione di qualunque convenzione internazionale e senza il minimo rispetto di alcuna dignità umana. Tra gli esempi di questo spettacolo dell’orrore c’è l’ospedale di Rafah, città della striscia di Gaza gemellata con Pesaro, abbattuto per rappresaglia a seguito della falsa notizia di un soldato israeliano catturato da Hamas. Sono questi gli episodi che, nella tragedia, svelano tutta la complice ipocrisia dell’amministrazione pesarese. Inadeguata e fuori tempo massimo ci appare infatti la risposta del sindaco di Pesaro Matteo Ricci e del suo vice Vimini alla pressione del Coordinamento Palestina di Pesaro. Non un ordine del giorno ufficiale, ma un comunicato in cui si fanno vaghi cenni al gemellaggio con Rafah, a quanto pare unilateralmente interrotto, si promette qualche soldo al volontariato nel contesto dell’emergenza e dove la proposta politica è quella di chiedere delle forze di interposizione (?!?). I passati progetti di cooperazione non possono giustificare posizioni così ambigue. Quale spazio possono avere infatti le risoluzioni ONU con un paese che le vìola sistematicamente dalla sua fondazione? Noi consideriamo l’aggressione israeliana un criminale attacco diretto contro tutto il popolo palestinese, che in nome dell’ideologia sionista uccide e tortura migliaia di persone. Con la nostra presenza in piazza rivendichiamo il pieno diritto all’autodeterminazione ed alla resistenza del popolo palestinese, nonché la fine immediata dell’occupazione dei territori della Striscia di Gaza e della Cisgiordania.
Per la fine dell’apartheid e dell’occupazione israeliana dei territori palestinesi!
Fermare il massacro, togliere l’assedio!
Non c’è pace senza giustizia!
Palestina libera!!!”

Firmato Coordinamento provinciale per la Palestina: AGEDO Pesaro; Alternativa Libertaria /FdCA – Fano; Anpi Sez Leda Antinori – Fano; Campagna Palestina Solidarietà; Comunità Islamica della Provincia di Pesaro-Urbino; CSA Oltrefrontiera – Pesaro; Donne in Nero – Fano; Emergency – Fano; Falce e Martello – Pesaro; Gruppo Fuoritempo – Fano; Mezzaluna Rossa Palestinese; MIR (Movimento Internazionale Riconciliazione) – Nuovo Orizzonte; Partito Comunista dei Lavoratori – Pesaro; Partito della Rifondazione Comunista – Pesaro e Urbino; Sala della Pace; Spazio Autogestito Grizzly – Fano

Un commento to “Solidarietà per il popolo palestinese: corteo a Pesaro”

  1. Paolino Paperino scrive:

    Alla manifestazione vi erano persone con bandiere comuniste: cosa c’entra il comunismo con la Palestina?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>