La Palla di Pomodoro si colora di… rosso: dal 28 agosto al 7 settembre torna la Festa dell’Unità

di 

13 agosto 2014

PESARO – L’estate pesarese si allungherà anche grazie alla Festa dell’Unità che, dal 28 agosto al 7 settembre, riempirà per 11 giorni piazzale della Libertà, la zona Palla di Pomodoro per intenderci. Un ideale ponte di collegamento con la Fiera di San Nicola, altri evento che andrà a incidere nella zona mare di Pesaro.

L’evento sarà dedicato all’ex sindaco Marcello Stefanini morto 20 anni fa e che già nel 1985 parlava di rifondare le Regioni. Tecnicamente il palco principale, quello degli spettacoli, sarà posizionato all’inizio del piazzale rivolto verso il mare con il pubblico che troverà spazio nei giardini della palla. Ci saranno spazi per bambini con giochi e animatori e il mercato sotto le stelle con una quarantina di venditori di prodotti locali. Una festa in collaborazione con i negozianti del quartiere, non a caso la ristorazione sarà ridotta allo stretto necessario (una piadineria e due ristorantini) per incentivare i ristoranti della zona mare.

Tanti gli appuntamenti culturali, ludici e ovviamente politici grazie al lavoro di oltre 400 volontari. L’area dibattiti sarà allestita nella strada che dalla Palla porta al Moletto. I relatori confermati, per ora, sono i ministri Andrea Orlando e Roberta Pinotti, i due europarlamentari Simona Bonafè e Goffredo Bettini, il presidente dell’assemblea nazionale Matteo Orfini, e ancora Massimo D’Alema, Sergio Staino, Francesco Nicodemo, Alessandra Moretti, Stefano Bonaccini, Michele Emiliano, Francesco Russo, Anna Maria Bernini, Ilvo Diamanti, Monica Maggioni, Tommaso Labbate, Piero Dorfles e Matteo Grandi. Atteso il dibattito sulle regionali Pd, sfumato poche settimane fa, tra Luca Ceriscioli e Francesco Comi.

 

Un commento to “La Palla di Pomodoro si colora di… rosso: dal 28 agosto al 7 settembre torna la Festa dell’Unità”

  1. […] La Palla di Pomodoro si colora di… rosso: dal 28 agosto al 7 settembre torna la Festa dell&#82… sembra essere il primo su […]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>