Trasarti, il Vescovo rock le suona ancora: “Politici, fate qualcosa per i nostri pescatori”

di 

13 agosto 2014

FANO – Il Vescovo Armando Trasarti non ha usato mezze parole. E dopo aver auspicato nei giorni scorsi l’invenzione di qualcosa di simile al Summer Jamboree, sia per rendere viva la città ma anche come occasione di lavoro per molti fanesi, ieri sera ha ritirato le orecchie alla città durante l’omelia all’anfiteatro Rastatt. L’ambito era quello delle celebrazioni del trentennale della visita di Papa Giovanni Paolo II a Fano nel 1984. Risposta? Applausi. Dopo il Summer Jamboree, questa volta, il riferimento è stata la canzone “Gente di mare” dedicato il suo pensiero  “ai pescatori che hanno voglia di lavorare ancora in questo porto” e “rimarcare l’incapacità pubblica che spesso non gli permette di svolgere il proprio mestiere. Perché abbiamo un porto che fa piangere il cuore… Fate a tutti i costi qualcosa per i pescatori (messaggio indirizzato ai politici presenti, ndr) non si può tacere su questa situazione. Non bastano targhe e targhette, servono azioni concrete”. Ma il Vescovo ha richiamato anche i cittadini a una maggiore dignità (“Basta brontolare per una barca che passa in città e rallenta il traffico, rispettiamo chi l’ha costruita, chi ci ha lavorato”) e amore per la propria città.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>