Urbino: migliaia di persone a corte di duca Federico

di 

16 agosto 2014

URBINO – Oltre 7.000 biglietti staccati nella sola giornata di ieri. Oggi si pensa al raddoppio e oltre.

Verso il raddoppio e oltre per la 33esima edizione della Festa del Duca-Sipari Rinascimentali di Urbino. Un mare di folla ha varcato le 4 principali porte della città per immergersi nei fasti e nella bellezza della corte di Federico.

Non solo corteo, ma anche spettacoli, mercatini, artigiani, laboratori e la cultura del Sol Levante. Turisti da tutt’Italia e tanti giunti dall’estero. “Questo dimostra che la direzione che abbiamo intrapreso per quanto riguarda la comunicazione e la sinergia con i tour operator sta dando i suoi frutti” spiega Maria Francesca Crespini, presidente dell’Ars Ducale che, tra una telefonata ricevuta per avere informazioni sulla manifestazione e una per avere indicazioni stradali, trova il tempo per una chiacchierata e rispondere a qualche domanda, mentre l’occhio vigile controlla l’andamento della festa.

C’è trepidazione per l’evento clou: il gioco dell’Aita che si svolgerà domani sera alle 21.15 in Fortezza Albornoz che renderà virale l’affluenza di visitatori nella città ducale. Domani sarà anche il giorno del ritorno di Federico (18) e alle 18.30 la visita guidata alla Sinagoga, della benedizione delle Bandiere (nella scalinata del Duomo) e dell’estrazione, alle 21, della Riffa del Duca in Fortezza.

Osterie, cibo rinascimentale, giochi e molto altro. Tra poche ore, alle 22, partirà da Collegio Raffaello la quarta edizione de La Caccia al Teshorror che con i suoi 120 partecipanti cercherà di scovare l’indizio scoprendo Urbino in tutte le sue dimensioni.

Per il programma completo e informazioni www.urbinofestadelduca.it.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>