Auto, a Gubbio il 49esimo trofeo Fagioli. Inizia il rush finale del campionato italiano della montagna

di 

20 agosto 2014

Auto trofeo FagioliGUBBIO – Week-end da non perdere quello che a partire da venerdì andrà in scena nella suggestiva Gubbio in occasione della 49esima Gubbio – Madonna della Cima- Trofeo Luigi Fagioli, prima delle tre finali del Campionato Italiano Velocità Montagna (C.I.V.M.). Nella medievale cittadina al confine con le Marche, oltre 200 piloti si sfideranno in quella che è una delle corse in salita più amate in Italia, nonostante il percorso, da ripetersi due volte, sia fra i più brevi del campionato. Per le sue caratteristiche è soprannominato la “Montecarlo” della specialità e una vittoria nella “Gola del Bottaccione” per i piloti ha un valore aggiunto.

Le corse in salita sono una delle specialità dell’automobilismo più seguite da sempre e come ci racconta la storia forse le gare più antiche. Infatti molti libri riportano che la prima corsa in salita si disputò nel 1902 – la Coppa della Consuma – vicino a Firenze, che si corre ancor oggi, riservata alle auto storiche. In questa specialità si sono cimentati tanti piloti che in seguito sono diventati campioni acclamati, a partire da Enzo Ferrari, sì proprio il lui, che nella sua breve carriera di pilota fu uno specialista delle salite, dove ottenne diverse vittorie. Proseguendo con i nomi illustri citiamo Tazio Nuvolari, Campari, Varzi, Scarfiotti, Vaccarella e nei tempi “moderni” Jacky Ickx, Stewart, Lauda… insomma il gotha dei piloti ha iniziato la propria leggenda sui tornanti di questi percorsi “incastonati” in luoghi suggestivi, come appunto Gubbio, il monte Bondone, il Terminillo, il monte Erice, per quanto riguarda il nostro paese.

Auto trofeo FagioliTornando al Trofeo Fagioli, saranno presenti i due principali contendenti al titolo Italiano, ovvero il toscano Simone Faggioli, 6 volte campione italiano e 3 volte Europeo e il trentino Christian Merli. Faggioli, che quest’anno ha “abbandonato” l’Osella per la francese Norma, lasciando il ruolo di pilota “ufficiale” del team ex F.1 proprio a Merli, deve recuperare sull’amico-rivale una manciata di punti e nella Gola del Bottaccione saranno scintille. Sulle salite si possono ammirare tutti i tipi di auto, dalle Turismo alle prestigiose Gt come Ferrari, Lamborghini, Porsche e Chevrolet, fino alle sport-prototipo come le Osella, Norma e Wolf, per arrivare alle “mostruose” F.3.000, Lola e Reynard e alle altrettanto spettacolari F.3, F. Reanult e F.2.000. Insomma divertimento assicurato a partire dalle 10 di sabato mattina con l’inizio delle due manche di prova, prologo della gara che sempre alle 10 di domenica 24 “infiammerà” la “fresca” Gola del Bottaccione e il tanto pubblico sempre presente a Gubbio per la “Montecarlo” delle salite.

Per maggiori informazioni vi consigliamo di consultare il sito Trofeo Fagioli o Cronoscalate.it.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>