Festa de l’Unità di Pesaro, ecco la locandina: richiama il primo manifesto turistico in stile liberty

di 

21 agosto 2014

Festa dell'Unità PesaroPESARO – La Festa de l’Unità di Pesaro riaccende l’Estate. Con il manifesto dell’edizione 2014, che in stile ‘liberty’ ricalca il lungomare pesarese, il Pd con la kermesse che segnerà i giorni dal 28 agosto al 7 settembre racconta una Pesaro sempre viva e accogliente. La locandina è stata presentata questa mattina durante la seconda conferenza stampa di presentazione della Festa de l’Unità di Pesaro, che si è tenuta al Café Journal in piazzale della Libertà.

“Un grazie va ai commercianti, baristi e ristoratori dell’intera area –  spiega Giovanni Gostoli segretario provinciale della Federazione Pd di Pesaro e Urbino – che stanno contribuendo in maniera fattiva alla realizzazione della kermesse. Questo dimostra come, molto spesso, gli operatori sono più avanti di chi vuole rappresentarli. Sarà una festa della città che parlerà a tutti con eventi e spettacoli e che contribuirà a tenere viva la zona mare allungando la stagione estiva”. Gostoli ha anche annunciato altre novità del programma politico: “il 31 agosto con la Bonafé ci sarà anche Giovanni Toti di Forza Italia. Il 6 settembre il giornalista Sandro Ruotolo e il 7 il sindaco del M5S Federico Pizzarotti. Sorprese anche per i giornalisti con Gerardo Greco, conduttore di Agorà e Maurizio Mannoni del Tg3.

“In questi giorni si è aperto il dibattito sul fatto che la festa nazionale del Pd sarà dedicata a De Gasperi – aggiunge Gostoli – Noi dedicheremo la festa a Marcello Stefanini e sarà un percorso che inizierà ad agosto ma che durerà tutto l’anno perché la sua modernità nel comunicare e nel fare politica sono ancora valori che ci potranno aiutare ad affrontare le sfide. Inoltre il 5 settembre con Paolo Mieli ricorderemo Enrico Berlinguer a 30 anni dalla sua morte. Nella sfida per le regionali il dibattito Luca Ceriscioli Francesco Comi, assieme ad un parlamentare e un segretario, si terrà il 31 agosto”.

Un grazie ai 400 volontari lo ha espresso Daniele Vimini, segretario Pd di Pesaro: “Sono già in corso i lavori di montaggio degli stand. Ancora una volta saranno tante le donne e gli uomini che dedicheranno le loro ferie e il loro tempo libero per la realizzazione della festa. La kermesse quest’anno si svolgerà sul lungomare riqualificato completamente dall’amministrazione, che farà anche da sfondo del palco principale. Il manifesto è evocativo, parla del mare, di una Pesaro che vive le cose con tranquillità e qualità, come la festa di quest’anno che vuole esprimere un’idea di città e di turismo”.

Vimini annuncia che ci sarà una mostra con i manifesti che Dolcini confezionò per il Comune di Pesaro. Saranno esposti i manifesti politici dell’epoca con alcune testimonianze della collaborazione con il sindaco Stefanini.

Il fulcro della conferenza stampa sono stati gli spettacoli: “con una programmazione sobria ma allo stesso tempo di qualità – aggiunge Filippo Sorcinelli – un calendario trasversale che copre tutti i gusti. Si apre con la Gang,  canzoni dedicate alla Resistenza, il 29 arriva il reggie Jolebalalla, il 30 ci sarà martinelli trombettista di Capossela e Roy Paci, ci sarà anche la commedia dialettale il primo settembre e il tributo a De Andrè e Lucio Dalla”.

Il cuore della festa sarà lo spazio bambini: un laboratorio attivo alle 18 per una festa a misura di bambini e di famiglie presentato da Diana Saponara e Michela Gaudenzi. Lo spazio sarà curato dall’associazione culturale ‘Nel giardino segreto’ che ha creato un format ad hoc per Festa Pesaro. Il leit motive sarà Shakespeare.

Un commento to “Festa de l’Unità di Pesaro, ecco la locandina: richiama il primo manifesto turistico in stile liberty”

  1. […] Festa de l’Unità di Pesaro, ecco la locandina in stile liberty sembra essere il primo su […]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>