Gubbio: il 49esimo Trofeo Fagioli a Simone Faggioli. Grande performance della pergolese Scuderia Catria

di 

27 agosto 2014

 

GUBBIO – Nello scorso week-end si è svolto a Gubbio il 49° Trofeo Luigi Fagioli, primo dei 3 round finali del Campionato Italiano Velocità Montagna (C.I.V.M.). Accompagnati da una stupenda giornata di sole, oltre 200 piloti si sono sfidati lungo i 4.150 metri della Gola del Bottaccione, in due manche al cardiopalmo, per la gioia del numeroso pubblico presente sia nel paddock, posizionato nelle adiacenze del suggestivo centro storico, sia lungo il percorso e come detto lo spettacolo non è mancato, per quella che è una delle più amate e antiche specialità dell’automobilismo.

Ha trionfato il toscano pluricampione italiano ed europeo Simone Faggioli, che ha iscritto per la decima volta il proprio nome nell’albo d’oro della gara eugubina, a bordo della francese Norma-Zytek, che da quest’anno sostituisce l’Osella, con la quale il fiorentino ha costruito il suo prestigioso palmares. A contrastare Faggioli l’avversario di sempre il trentino Christian Merli con la Osella PA 2.000, pilota ufficiale dell’ex costruttore di F.1. Al terzo posto il giovane bresciano Paride Macario, piacevole sorpresa di questo fine campionato, che con una performante anche se datata Lola-Zitek di F.3.000 sta studiando da “campione”, con prestazioni di alto livello. Lotta è stata anche nelle varie categorie e classi di cilindrata, dove per il titolo si sfidano Ferrari, Lamborghini, Porsche, Alfa Romeo, Peugeot e B.M.W., solo per citarne alcune.

I colori della nostra provincia sono stati difesi come sempre dalla storica “Scuderia Catria”, che da anni con i suoi piloti è protagonista della specialità. Il sodalizio pergolese per la gara di “casa” ha schierato ben 8 piloti che, diretti dal dinamico presidente Francesco Sabbatini, hanno ottenuto prestazioni di rilievo, con il decano Ferdinando Cimarelli, vincitore della Classe 2.000 E 1, con la Alfa Romeo 156, imitato dal figlio Franco, che sempre con un’Alfa ma 147 ha vinto la classe oltre ad essere 2° di categoria. Bene anche Marco Sbrollini, che con la sua “ammiratissima” Lancia Delta Proto da 500cv ha sfiorato il podio della Classe oltre 3.000 di in E1. Un altro trofeo nella bacheca della scuderia lo ha portato Maurizio Contardi 3° di classe 1.600 E1 con la Honda Civic. Fra quindici giorni tutti a Rieti per vivere ancora tante emozioni,Pu 24 sarà presente per trasmettervele.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>