Tavola, natura e storia: dal 14 settembre i Week end Gastronomici d’autunno di Confcommercio

di 

27 agosto 2014

Week end gastronomici 2014: Amerigo Varotti (Confcommercio), Mario Di Remigio (Associazione ristoratori), Angelo Serra (presidente Confcommercio), Giandomenico Di Sante (Banca dell’Adriatico), Alberto Drudi (Camera di Commercio)

Week end gastronomici 2014: Amerigo Varotti (Confcommercio), Mario Di Remigio (Associazione ristoratori), Angelo Serra (presidente Confcommercio), Giandomenico Di Sante (Banca dell’Adriatico), Alberto Drudi (Camera di Commercio)

PESARO – Quando la buona cucina si sposa con la bellezza del territorio e coi suoi prodotti. Succede da 31 anni esatti, grazie all’intuizione della Confcommercio di Pesaro e Urbino che ha lanciato i Weekend gastronomici. Per l’edizione autunnale 2014, presentata stamane nella splendida cornice de “L’Antica Dimora di Val Regina” in località Siligata di Pesaro, saranno coinvolti 75 ristoranti del territorio (è quasi record), espressione di 43 Comuni differenti (41 della nostra provincia, Novafeltria e Pietracuta di San Leo per quella di Rimini). Dal 14 settembre all’8 dicembre sarà possibile assaporare prelibatezze del palato a prezzi concordati – che vanno dai 18 ai 21 euro bevande escluse -, secondo un calendario serrato contenuto nei 10.000 libretti stampati dalla stessa Confcommercio che andranno, come sempre, sicuramente a ruba (ecco i file .pdf dei Weekend gastronomici di Confcommercio divisi per mese: SettembreOttobreNovembreDicembre).

31 anni e non sentirli. “E’ la manifestazione più longeva del nostro territorio – ha detto all’atto della presentazione di stamane, gonfio di orgoglio, Angelo Serra, presidente provinciale di Confcommercio – Da 31 anni, grazie alla Camera di commercio, proponiamo itinerari nella ristorazione dell’entroterra sia per promuovere le varie attività che per valorizzare il territorio tutto. Nelle ultime edizioni abbiamo avuto una media di 12.000 consumatori: la prova che la formula è vincente, basata su ricchi menù a prezzi promozionali e soprattutto trasparenti”.

Il ruolo della Camera di commercio e di Banca dell’Adriatico. Alberto Drudi, presidente dell’ente camerale, ha lodato la Confcommercio, “associazione di categoria che guarda alla promozione del territorio a 360 gradi”. Una manifestazione lodevole, resa possibile anche grazie al contributo della Banca dell’Adriatico, da sempre partner. “I Week end gastronomici di Confcommercio sono un’azione concreta in un momento di difficoltà – ha spiegato Giandomenico Di Sante, presidente dell’istituto creditizio al contempo presidente della Confcommercio Abruzzo e vice della Camera di commercio di Teramo – Abbiamo un giacimento che si chiama turismo, grazie al padre eterno che ci ha regalato una natura straordinaria a cui si uniscono la ricchezza dei monumenti e della storia”.

Associazione ristoratori coinvolta. Il presidente, Mario Di Remigio, ha ringraziato tutti coloro che rendono possibile una simile kermesse, in un periodo dell’anno – l’autunno – in cui le nostre terre propongono tartufo e funghi, la vendemmia, i colori unici delle foglie che cadono e del bosco. “I Week end gastronomici servono, poi, per dare un po’ di ossigeno ai ristoranti dell’entroterra – la sottolineatura di Di Remigio – che spesso e volentieri fanno fatica anche solo ad alzare la saracinesca”.

Chiusura per Varotti. Il direttore della Confcommercio di Pesaro e Urbino, prima di lanciare il suo grido di preoccupazione misto a rabbia sulle scelte della politica nei confronti delle Camere di commercio (leggi l’articolo dedicato qui), ha spiegato come una manifestazione come questa sia importante perché promuove prodotti unici della nostra terra, “a chilometro zero”. “La ristorazione è un settore che seguiamo con grande attenzione. Mondo gastronomia, del turismo in generale, è una leva di sviluppo fondamentale per la nostra economia”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>