Palio delle Contrade, vince San Sebastiano

di 

1 settembre 2014

FANO – Sabato 30 agosto è iniziato il Palio delle Contrade con la conferenza sulla scherma italiana curata dalla professoressa Anna Falcioni dell’università di Urbino e da Marco Rubboli della scuola di scherma antica “Achille Marozzo” di Bologna, svoltasi presso la Mediateca “Montanari” di Fano. Tanti gli intervenuti, condotti per mano in un viaggio tra la scherma e tutto quello che si cela dietro le vicissitudini dell’epoca.

Nel pomeriggio, poi, tutto il corteo di tamburi, sbandieratori, cavalieri, combattenti e figuranti ha sfilato fino al santuario della Vergine del Ponte Metauro di Fano. Ad accogliere Carlo Malatesta assieme a tutta la sua delegazione è stato il cardinale Elio Sgreccia in persona, che ha poi celebrato la Santa Messa ricordando come queste iniziative non sono solo manifestazioni legate al folklore, ma racchiudono in sé la ricerca del sacro che è insita nell’uomo.

La matrice storica su cui si basa l’intero evento risale a quando, nel 1399, lo stesso Carlo Malatesta da Rimini partì alla volta del santuario del Ponte Metauro per ringraziare la Madonna di aver scampato la peste. Un pellegrinaggio che impegnò circa cinquemila uomini e che, prima di arrivare a Fano, fece tappa a Gradara.

Subito dopo la celebrazione, è stato effettuato l’ingresso trionfale nell’area della pineta, dove per due giorni si è sfidata la città di Fano divisa nelle sue quattro contrade. Dopo le prime sfide, è stata la volta di un suggestivo spettacolo a cui hanno preso parte anche gli sputafuoco.
Domenica 31 agosto, già dalla mattina è stato aperto al pubblico il villaggio medievale, proponendo tanto intrattenimento e offrendo pure la possibilità di cavalcare pony, scoccare qualche freccia con l’arco, osservare vecchi mestieri e spazi per l’animazione dei bambini, immergendosi in un’atmosfera dai sapori antichi che ricorda un affascinante passato in cui blasonate signorie si contendevano il potere fra dispute di onore e battaglie a cavallo.

Tiro alla fune, sfida con l’arco e abilità equestre all’anello. Queste sono le prove in cui si hanno gareggiato le quattro fazioni della città e che hanno decretato vincitrice di questa prima edizione del Palio delle Contrade San Sebastiano, la contrada che rappresenta la zona di Sant’Orso, Bellocchi, Roschiano, Cuccurano, San Cesareo, Carrara e Ponte Murello, la quale si è aggiudicata il tanto atteso palio disegnato per l’occasione dall’illustratore fanese Mauro Chiappa.

L’appuntamento ora corre al prossimo anno. In molti infatti si augurano che un simile evento possa entrare a pieno titolo nella tradizione fanese, radicandosi sempre più nel panorama turistico, culturale e artistico della città. Per tutto questo, grande merito va al gruppo storico “La Pandolfaccia”, animata da una convinzione unica che ha permesso la realizzazione di una simile iniziativa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>