Il sorriso di Wally Judge: “Che belli i tifosi di Pesaro”

di 

1 settembre 2014

Il giorno di pioggia a Pesaro è stato illuminato dal sorriso di Wally Judge, 24enne di 206 cm proveniente dalla Rutgers University, dove ha giocato per due stagioni dopo aver perso un anno per problemi accademici, nel college del New Jersey ha tenuto una media di 7.5 punti e 6.2 rimbalzi, con il 48% da 2 e il 53% dalla lunetta, numeri ai quali bisogna aggiungere 1.1 stoppate a serata.

“Pesaro mi piace, bellissimo girare per strada con il mare e con tanti tifosi che ti acclamano” le sue prime parole durante la presentazione.

Se volevate un “animale d’area” avete trovato il vostro uomo. Fisico imponente come il basket degli anni Duemila richiede a chi deve trovare spazio dentro alle intasate aree colorate, Judge è un atleta notevole con buone capacità di elevazione e una discreta velocità di base che gli permette di involarsi in contropiede per raccogliere gli alley-oop del suo playmaker, le braccia lunghe gli consentono di farsi valere anche nella lotta a rimbalzo, specialmente in fase offensiva, ma siamo lontani da “mister rimbalzo” O.D. Anosike, ma a differenza del nigeriano, Judge ha una gamma di soluzioni offensive più ampia, con movimenti lungo la linea di fondo e un semigancio da non sottovalutare, scagliato anche da due-tre metri dal ferro e con entrambe le mani, anche se è la destra quella dominante, il tiro in sospensione non è il suo punto di forza e il 50% dalla lunetta non depone a suo favore, ma a Pesaro siamo abituati a dei pivot che litigano dalla linea della carità e Judge andrà ad inserirsi in una lista con illustri predecessori.

LE FOTO DI DANILO BILLI:

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>