Calice in argento rubato alla chiesa del Porto: ritrovato a Fano in un bidone. Indagano i carabinieri

di 

4 settembre 2014

PESARO – Il parroco della Chiesa di San Giuseppe al Porto di Fano, su segnalazione di una fedele, ha rinvenuto un calice in argento con alcune incisioni in oro abbandonato nel bidone della spazzatura posto in una via adiacente alla propria chiesa. Immediatamente ha avvisato il 112 ed i Carabinieri della Compagnia di Fano hanno preso in consegna il calice.

Dopo gli accertamenti tecnici volti ad esaltare le impronte papillari ed estrarre le tracce del DNA al fine di individuare l’autore del furto, si è passati alla consultazione della banca dati delle opere di valore artistico rubate per individuare la provenienza del calice.

Abbastanza facilmente si è giunti ad individuare il luogo ove era avvenuto il furto. Si tratta di un episodio accaduto il 17 luglio scorso nella sagrestia della chiesa di Santa Maria del Porto di Pesaro.

La segnalazione del cittadino raccolta dal parroco che ha immediatamente attivato i Carabinieri è l’ennesima dimostrazione di come una fattiva collaborazione cittadino – istituzioni possa consentire il rapido avvio delle attività tecnico-investigative e, nel caso specifico, la restituzione della preziosa refurtiva dall’alto valore sia economico che, soprattutto, simbolico.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>