Il Fano-spettacolo si spegne all’esordio: solo 0-0 contro la matricola Castelfidardo in 10 per 55′. Alessandrini: “Cresceremo”

di 

7 settembre 2014

 

ALMA JUVENTUS FANO – CASTELFIDARDO 0-0

A.J.FANO (4-3-1-2): Ginestra; Clemente (17’ st Gambini), Torta,
Nodari, Lo Russo 6; Favo, Fatica, Sassaroli (38’ st Palazzi);
Sebastianelli (26’ st Sartori); Gucci, Sivilla. A disp.:
Marcantognini, Marconi, Cesaroni, Zhytarchuk, Battisti, Carsetti. All.:
Alessandrini.
CASTELFIDARDO (4-2-3-1): Aniadiegwu; Cervellini (26’ st Grottini),
Belelli, Labriola, Pretini; Strano, Urbinati; Tassi, Simoncelli (33’ st
Ciccioli), Sbarbati; Cavaliere (23’ st Carboni). A disp.: Recchiuti,
Staffolani, Bonifazi, Lorenzetti, Taddei, Scoppa.
All.: Mobili.
ARBITRO: Valentina Finzi di Foligno.
NOTE: spettatori 1300 compresi più di un centinaio di tifosi ospiti. Espulso
al 35’ pt Pretini per fallo su chiara occasione da gol. Ammoniti Clemente
Labriola, Cavaliere. Angoli: 7-6 per il Fano. Recupero : 0’, 5’

Sivilla in azione tra due avversari

Sivilla in azione tra due avversari

FANO – Dopo le scoppiettanti vittorie contro la Samb e la Vis in Coppa ci si aspettava un altro risultato dall’Alma che oggi non è andata oltre lo 0 a o in casa contro il Castelfidardo nella prima di campionato. L’assenza di Lunardini in mezzo al campo si è fatta sentire, soprattutto in fase di impostazione con la manovra molto lenta e facilmente prevedibile dell’Alma.

Nemmeno l’espulsione di Pretini per fallo da ultimo uomo al 35’ su Gucci favorisce i granata che nella prima frazione non si rendono mai resi pericolosi. Nella ripresa è il Castelfidardo ad andare vicino al gol con Strano che di testa spedisce la palla verso l’incrocio dei pali costringendo Ginestra al miracolo della domenica.

Per cercare di sbloccare la partita Alessandrini manda in campo Gambini che, appena entrato, vede un buco buono per l’inserimento di Gucci: l’attaccante toscano solo davanti a Anyadiegwu non riesce a trovare il gol. L’Alma tenta il tutto per tutto con gli inserimenti di Palazzi e Sartori, ma il muro alzato dalla difesa bianco verde regge. I lanci lunghi dell’Alma sono facile preda del portiere del Castelfidardo che, grazie alla sua altezza, blocca sempre senza problemi. Domenica prossima si va in casa della Maceratese che oggi ha liquidato 2 a0 in trasferta il Celano. L’aspetto confortante è che tutti sanno che quest’Alma può fare di più, moto di più.

 

Mister Alessandrini assicura: “Cresceremo, siamo solo all’inizio”

Mister Alessandrini

Mister Alessandrini

FANO– La poca lucidità ed un avversario ostico come il Castelfidardo hanno bloccato l’Alma sullo 0 a 0 nella prima di campionato al Mancini. La squadra granata ha faticato, soprattutto nel primo tempo, a tessere le manovra, complice la solidità difensiva dei fidardensi che sono stati bravi a non concedere nulla a Nodari e compagni. Riparte proprio da questo concetto il tecnico Alessandrini nel ricostruire la sua analisi: “Siamo consapevoli di aver faticato sul campo, specialmente nella prima frazione dove ci è mancata la lucidità, anche se nella ripresa siamo cresciuti. E’ normale che alla prima di campionato la condizione fisica e l’organizzazione tattica non sia al 100% per vari motivi. Comunque, il Castelfidardo era l’avversario più scorbutico che ci potesse capitare, perché non dobbiamo dimenticarci che si tratta di una squadra vera con un gruppo che gioca insieme da diversi anni”.

A centrocampo Fatica si è impegnato per non far rimpiangere l’assenza di Lunardini che ha comunque pesato. “Fatica è un giocatore che si sta adattando – commenta Alessandrini – e va ringraziato per la grande applicazione che sta mettendo. Bene pure Gambini che, nella ripresa, è entrato subito nel vivo del gioco con una prestazione molto positiva”.

Il tecnico dei granata sa bene che l’Alma può fare di meglio, tanto da ricordare a tutti che ancora siamo solo all’inizio e il lavoro non manca di certo. “Il Fano che abbiamo tutti in testa è diverso da quello si è visto oggi. Nonostante questo risultato opaco, i ragazzi hanno dimostrato di essere dei grandi uomini che vogliono migliorare: io ho molto fiducia in questo gruppo”.

Tra le cose buone da prendere da questo incontro c’è l’ottimo esordio del baby Gambini che ha messo in mostra le sue ottime doti tecniche: “Per un fanese giocare nella squadra della propria città è qualcosa di indescrivibile. Penso di aver disputato una buona gara, anche perché nel secondo tempo c’erano molti buchi da sfruttare per via dell’uomo in più a nostro favore. Spero di trovare spazio poi sarà il mister a decidere quando chiamarmi in causa. Io mi alleno sempre al massimo per farmi trovare pronto”:

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>