Le carezze di Gatti esaltano l’Orchestre National de France. Altro successo per la Sagra Musicale Malatestiana

di 

9 settembre 2014

RIMINI – Il pubblico delle grandi occasioni, ma alla Sagra Musicale Malatestiana non è una novità, ha seguito, a dispetto del lunedì sera, il concerto dell’Orchestre National de France diretta da Daniele Gatti.

L’Orchestre National de France diretta da Daniele Gatti

L’Orchestre National de France diretta da Daniele Gatti

L’Auditorium Sala della Piazza del Palacongressi presentava un magnifico colpo d’occhio quando Daniele Gatti si è presentato sul palcoscenico. Gatti, che a dispetto della passione per lo sport praticato (durante le presenze al Rof era solito giocare a calcetto con orchestrali, cantanti e amici), mostrava qualche chilo in più. Una conduzione, quella del direttore italiano, molto ispirata, che non è il classico direttore che esprime “Sturm und Drang”, tempesta e impeto, che non ama i gesti plateali, anche se un okay indicato con le dita della mano sinistra a un’orchestrale è stato davvero particolare. Gatti ha diretto con le carezze, in una sintonia che è apparsa mentale, non gestuale, ricavandone una risposta davvero importante, perché l’esecuzione non ha avuto pause, neppure nel brano che ha aperto il concerto: Prélude à l’après-midi d’un faune di Claude Debussy, molto delicato.

Ed anche nella Suite dal balletto L’Uccello di Fuoco di Igor’ Fëdorovič Stravinskij la sua direzione è stata efficace senza essere invadente, assecondando la musica, l’orchestra, mai imponendo. Così, alla fine della sublime Sinfonia n.6 in fa maggiore op.68 Pastorale di Ludwig van Beethoven, mentre raccoglieva l’applauso del pubblico, prima tiepido (perché la conclusione della Sinfonia n.6 è quasi un sospiro, non un urlo di furore come per altre sinfonie), poi sempre più appassionato, ha ricevuto anche l’omaggio dei componenti l’ottima Orchestre National de France. Oui, davvero un bel concerto! Merci beaucoup.

Con l’augurio, che è convinzione, che dai ringraziamenti in francese si passi a quelli in tedesco e russo, visto che nell’ultimo dei cinque Concerti Sinfonici della Sagra Musicale Malatestiana 2014 in programma venerdì 12 settembre, sempre alle ore 21 (più o meno) nell’Auditorium Sala della Piazza, sarà protagonista la Rundfunk-Sinfonieorchester Berlin diretta da Marek Janowski, nato a Varsavia ma cittadino tedesco da tantissimi anni, con ospite la pianista russa Anna Vinnitskaya.

Il programma è semplicemente superbo: la Ouverture da La forza del destino di Giuseppe Verdi; la Rapsodia su un tema di Paganini in la minore op. 43 di Sergej Rachmaninov; la Sinfonia n.3 in mi bemolle maggiore op.55 Eroica di Ludwig van Beethoven.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>