Salvaguardia dell’attività agricola dai lupi, Ucchielli scrive ai ministri, alla Regione e alla Provincia

di 

9 settembre 2014

IL SINDACO SEN. PALMIRO UCCHIELLI SCRIVE AL MINISTRO DELL’AGRICOLTURA MARTINA, AL MINISTRO DELL’AMBIENTE GALLETTI, ALL’ASSESSORE ALL’AGRICOLTURA DELLA REGIONE MARCHE, AL COMMISSARIO PROVINCIALE E AI PRESIDENTI DELL’ATC PS1 E ATC PS2 PER LA SALVAGUARDIA DELL’ATTIVITÀ AGRICOLA.

Il Comune di Vallefoglia, istituito con Legge Regionale Marche n. 47 del 13/12/2013 è nato il 1° Gennaio 2014 dalla fusione dei Comuni di Colbordolo e Sant’Angelo in Lizzola.

Visto che il territorio del nostro comune è caratterizzato da colline che offrono una grande potenzialità sotto il profilo di valorizzazione delle peculiarità agricole, si rende necessario tutelare il territorio e stimolare una migliore gestione faunistica per evitare danni provocati da una elevata presenza di lupi.

Infatti, la presenza degli animali selvatici quali lupi e cinghiali provocano danni non soltanto di tipo economico, perché oltre alla perdita di capi, bisogna anche registrare i danni indotti dallo spavento e dallo stato di stress provocato dagli assalti in quelli che sopravvivono, con conseguente riduzione della produzione di latte e rischio di aborti. La presenza dei lupi sta scoraggiando in molte aree l’attività di allevamento, mettendo a rischio anche il tradizionale trasferimento degli animali in alpeggio che, oltre ad essere una risorsa fondamentale per l’economia montana, rappresenta anche un modo per valorizzare il territorio e le tradizioni culturali che lo caratterizzano.

Con il ritorno del lupo il lavoro degli allevatori è notevolmente cambiato, divenendo sempre più complesso e oneroso e stravolgendo le abitudini di una pratica storica.

Essendo il lupo una specie protetta dalla normativa europea si rende indispensabile trovare un giusto equilibrio tra lupi, cinghiali e caprioli perché questa convivenza forzata tra predatore e animali non porti all’abbandono dell’attività di allevamento. Non sarebbero solo gli allevatori a rimetterci, ma l’intera comunità, poiché dal loro lavoro derivano la conservazione e la valorizzazione della collina e delle sue tradizioni.

Si invitano quindi le istituzioni, ciascuna per le proprie competenze, ad una profonda riflessione sulla presenza di questi animali e sulla loro compatibilità numerica con l’equilibrio del territorio, in quanto il problema ha assunto carattere di grave urgenza anche per la sicurezza delle persone e degli allevamenti.

Cordiali saluti

IL SINDACO

COMUNE DI VALLEFOGLIA

Sen. Palmiro UCCHIELLI

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>