Un canneto invade la pista ciclabile tra Pesaro e Fano nel tratto di competenza dell’amministrazione comunale fanese

di 

10 settembre 2014

Il canneto che invade la pista ciclabile tra Pesaro e Fano

Il canneto che invade la pista ciclabile tra Pesaro e Fano

FANO – La situazione in cui versa un tratto della pista ciclabile che collega i porti di Pesaro e Fano, fotografata stamattina, è il segno della scarsa attenzione che molti nutrono nei confronti di una struttura che invece merita massima attenzione. Nel tratto nel Comune di Fano, a circa 250-300 metri da Fosso Sejore, regna l’incuria. Ora, è vero che la precedente amministrazione comunale non è sembrata entusiasta (eufemismo) delle piste ciclabili, ma la pista esiste ed è utilizzata, quotidianamente, da tante persone che per svago o anche per lavoro pedalano da Pesaro a Fano e viceversa.

Anche stamattina abbiamo incontrato alcuni stranieri che pedalavano diretti a Fano. Ora è vero che il tratto in Comune di Pesaro è davvero all’avanguardia, con materiali che fanno invidia alle piste ciclabili di paesi – quelli del nord Europa – che per primi hanno capito l’importanza di queste strutture, mentre quello fanese è in semplice asfalto. Meglio che niente, si pedala ugualmente bene. Il problema è il tratto sud tra Fosso Sejore e la ditta Gentili rischia di diventare impraticabile causa la presenza di un rigoglioso canneto che sta invadendo la pista ciclabile, obbligando chi proviene da Fano a invadere la corsia riservata a chi è diretto alla città della Fortuna.

Ora, che i ciclisti vadano contromano, mettendo a rischio e pericolo l’incolumità altrui non è una novità, ma se gli idioti – tipo quello che stamattina, in compagnia di altri due ciclisti, si divertiva ad andare contromano in una zona coperta dalla vegetazione, per apparire improvvisamente a chi arrivava dalla direzione opposta e urlare “spostati!” a chi aveva tutte le ragioni per protestare – sono sempre dietro l’angolo, ci sembra assurdo che nessuno abbia informato l’Amministrazione comunale fanese, che farebbe bene a intervenire presto, prima che le canne diventino, oltre che un ostacolo, un reale pericolo. Lo facciamo con questo articolo, sperando che l’intervento sia rapido.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>