Hangartfest, continua il festival della scena indipendente. Ecco il programma aggiornato

di 

15 settembre 2014

“Invisibile agli occhi è la bellezza” negli spettacoli di Hangartfest, festival della scena indipendente contemporanea, che prosegue a Pesaro con interessanti proposte anche in luoghi non convenzionali. Performance che stimolando il pubblico ad una partecipazione coinvolgente, attraverso linguaggi diversi e percorsi multisensoriali.

Sayoko Onishi

Sayoko Onishi

Giovedì 18 settembre alle 18, con replica alle 19, la sala ambisonica SPACE del LEMS del Conservatorio Rossini accoglie la seconda serata dedicata a Etherotopie, tappa finale del progetto Osservazioni del vento dell’aria della terra e della volta celeste, ideato da Roberto Vecchiarelli ed Eugenio Giordani, co-prodotto da Quatermass-x, LEMS e Hangartfest. Per questo spazio davvero particolare ovvero un ambiente immersivo di audio 3D, Anthony Di Furia ha realizzato una componente sonora utilizzando frammenti di suono naturale elaborato digitalmente e suono di sintesi, con cui dialogherà la performer Elda Gallo (Itala), aggiungendo alla tridimensionalità dell’ascolto la quarta dimensione, visiva, del gesto e del movimento. Prossimo appuntamento con Kathleen Delaney (Italia-USA) giovedì 25 settembre. La sera di sabato 20 settembre alle 20.30, il festival si sposta alla Riserva Naturale del Parco del Furlo, dove la compagnia Rosabella Teatro propone Accidente Glorioso 4 – 29 marzo 1912, progetto teatrale dedicato alla sfortunata spedizione antartica di Robert Scott nei primi anni del Novecento, per la regia di Giulio Stasi, con Stasi e l’attrice Elena Cucci; realizzato in collaborazione con Quatermass-x. Una suggestiva performance teatrale sotto le stelle, con affascinante percorso notturno immerso nella natura del Furlo, per chi non ha paura del buio. La performance sarà replicata domenica 21 settembre, stessa ora, al posto della serata prevista al Parco Miralfiore di Pesaro, sostituita per cause non dipendenti dall’organizzazione. Sabato e domenica sono inoltre le giornate dedicate allo studio: Atelier Danza Hangart ospita la seconda edizione de L’Arte dell’Improvvisazione con un laboratorio dedicato alla danza Butoh, condotto da Sayoko Onishi (Giappone) e destinato a performer interessati ad approfondire il lavoro con il proprio corpo e a mettersi in relazione con il pubblico e con lo spazio (info www.hangart.it). Il progetto è realizzato nell’ambito del progetto REFRESH! Lo spettacolo delle Marche per le Nuove Generazioni a cura del CMS Consorzio Marche Spettacolo, al quale il festival partecipa come partner insieme a Teatro Aenigma di Urbino, all’Associazione Nuovo Cinema Teatro Italia di Macerata e Atelier Danza Hangart.

Le performance sono aperte ad un numero limitato di partecipanti ed è necessaria la prenotazione T 0721 392388 (lun- ven: 10-13 / 16-19). Prenotazioni online su www.hangartfest.it.

HANGARTFEST – XI edizione Informazioni e Prenotazioni (prenotazione obbligatoria) T 0721 392388 (lun-ven: 10-13 / 16-19) Prenotazioni online su www.hangartfest.it Ingresso performance gratuito riservato ai soci. Tessera socio € 5 valida per tutti gli spettacoli, salvo diversamente indicato Organizzazione Hangartfest, Via Ponchielli 87 – Pesaro / T 0721 392388 – info@hangartfest.it

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>