Pesaro, nasce l’ufficio Sviluppo Opportunità. Delle Noci: “Opportunità commerciali per la Pmi nell’area Cemac”

di 

16 settembre 2014

PESARO – Nasce l’ufficio Sviluppo Opportunità all’interno dell’assessorato alla Gestione del  Comune di Pesaro. Utilizzando la propria rete di contatti e informazioni per animare il territorio, l’ufficio offrirà alla comunità chance e opportunità più fruibili e maggiormente tarate sulle esigenze locali. Non solo, l’ufficio, si occuperà anche di fondi strutturali europei, di detassazione e opportunità per le attività economiche commerciali. Inoltre, in collaborazione con la Camera di Commercio e le associazioni di categoria, si impegnerà a dare informazioni sulle agevolazioni messe in campo nel territorio. E’ anche volontà del nuovo ufficio quella di  costruire una rete utile alle imprese con i consorzi fidi e con le banche per il sostegno a investimento e sviluppo.

“Questa trasformazione permetterà al Comune di aumentare le sue performance, qualificando il proprio ruolo in contesti locali e internazionali – esordisce l’assessore alla Gestione Antonello Delle Noci – . L’Amministrazione comunale, a inizio mandato ha inteso raccogliere le sfide, organizzando un assetto tecnico e istituzionale adatto a interpretare e governare i cambiamenti. E’ necessario che la vocazione del Comune assuma una rilevanza più internazionale, i livelli di competitività si sono spostati su altri piani, parte del bilancio comunale ormai viene negoziata tra Bruxelles e Strasburgo”.

Può accadere infatti che dopo venti anni di incertezza appaia una congiuntura di avvenimenti tale da non poter essere ignorata. E’ ciò che sta accadendo a livello internazionale e nazionale con effetti e ripercussioni a livello locale.

“La Commissione Europea, attraverso la programmazione dei fondi per il periodo 2014-2020 – continua Delle Noci -, ha definito azioni e interventi per sostenere la competitività locale, adottando piani di azione e bandi per finanziamenti diretti e indiretti rivolti alle PMI locali. Gli indirizzi europei indicano, infatti, una linea di coerenza netta tra i propri macrobiettivi: favorire la competitività dei territori, garantire che globalizzazione e i grandi flussi internazionali non minaccino le realtà locali, anzi consentano che i territori possano avere un vantaggio competitivo in quanto tali”.

Rinasce così il termine “Glocal”: adeguare il panorama della globalizzazione alle realtà locali (cit. Baumann).

“La riforma del titolo V della Costituzione – spiega l’assessore -, riducendo il potere regionale su ampi settori e rimodulando il ruolo delle Province, inevitabilmente inciderà anche sulle attività dei Comuni. Il vuoto tecnico e istituzionale lascia spazio a un maggiore ruolo che potranno rivestire le istituzioni locali, diventando così soggetti ‘facilitatori’ dei processi di innovazione e internazionalizzazione delle PMI, e di opportunità per lo sviluppo locale, favorendo l’accesso ai fondi e ai contributi europei e nazionali”.

In questa logica giovedì 18 settembre, a partire dalle ore 9, alla Camera di Commercio di Pesaro e Urbino si terrà l’evento “OPPORTUNITA’ COMMERCIALI PER LE PMI nelll’area CEMAC”, primo di una serie di incontri in programma a Pesaro dedicati all’internazionalizzazione, per cogliere, in questo caso, le opportunità commerciali imprenditoriali offerte nell’area CEMAC (Comunità Economica degli Stati dell’Africa Centrale). L’evento è nato da una collaborazione locale; Aspin 2000, partner dell’iniziativa, si occuperà anche della segreteria tecnica della giornata.

Un commento to “Pesaro, nasce l’ufficio Sviluppo Opportunità. Delle Noci: “Opportunità commerciali per la Pmi nell’area Cemac””

  1. […] post Pesaro, nasce l’ufficio Sviluppo Opportunità. Delle Noci: “Opportunità commerciali per… appeared first on […]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>