Approvata la nuova dotazione organica dell’azienda Marche Nord. Rossini, Cgil: “Così si potranno programmare assunzioni future”

di 

18 settembre 2014

Il 15 settembre 2014 la giunta regionale ha approvato le nuova dotazione organica di Marche Nord, accogliendo in toto per quanto riguarda il comparto, “l’ipotesi che avevamo definito in sede di tavolo tecnico insieme all’azienda e alle altre OO.SS”

“Questo importante risultato è frutto della mobilitazione che abbiamo organizzato – il Seg. Gen. FP CGIL Pesaro Urbino, Roberto Rossini – la scorsa primavere insieme ai lavoratori e ai nostri delegati membri della RSU aziendale. L’approvazione della dotazione organica non risolverà nell’immediato tutte le problematiche legate alla carenza di personale, ma rappresenta sicuramente la condizione necessaria e imprescindibile per l’azienda, per attuare una attività programmatoria delle assunzioni nel futuro. Non possiamo certamente nascondere che il mantenimento del vincolo al 2015 del taglio al costo del personale (previsto dalla legge e deliberato dalla regione marche), sia di ostacolo nel concretizzare in tempi brevi tutte le assunzioni in ruolo necessarie, ma continueremo a chiedere, ancor più decisamente alla regione marche di evitare, che tali tagli si ripercuotano sul nostro sistema sanitario provinciale. La nostra presa di posizione non è motivata da ragioni ideologiche o campanilistiche, ma esclusivamente dal fatto che la provincia di Pesaro e Urbino è stata eccessivamente penalizzata in termini di posti letto e di risorse economiche, rispetto alle altre province marchigiane. Inoltre l’azienda marche nord dopo la sua costituzione, tra riduzioni del budget, carenze di organici e processi riorganizzatori, non ha ancora potuto esprimere pienamente le proprie potenzialità ne tantomeno raggiungere gli obiettivi programmati dalla stessa amministrazione regionale in vista della sua costituzione. Pertanto continueremo ad impegnarci per fare in modo che l’azienda possa dotarsi del personale sufficiente, per garantire a tutti i lavoratori dell’azienda di poter lavorare in sicurezza e nel rispetto degli istituti contrattuali e allo stesso tempo assicurare ai cittadini un servizio sanitario di qualità”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>