Un week-end di spettacolo e adrenalina con il XXI Rally dell’Adriatico

di 

18 settembre 2014

Umberto Scandola

Umberto Scandola

Come ogni anno il Campionato Italiano Rally ( C.I.R.), torna per una sfida al fulmicotone sui celebri sterrati della nostra regione, da sabato20 a domenica 21 il “gotha” del rallysmo nazionale, si sfiderà per la penultima prova del tricolore. Fin dalla sua prima edizione, denominata Rally del Mobile che si disputò a Pesaro, gli organizzatori della PRS Group ed il suo “deus ex machina” Oriano Agostini, forti della risonanza che la loro gara ha acquisito in ambito nazionale, si sono impegnati per la promozione del territorio marchigiano, diversificando in questi anni la location del Rally. Per la 21° edizione si torna ad Ancona come base e partenza, mentre le 11 prove speciali andranno in scena tra la provincia del capoluogo e quella di Macerata, con l’arrivo nel “balcone delle Marche”,ovvero la stupenda Cingoli.

Il Rally dell’Adriatico oltre al C.I.R. è anche prova del Trofeo Rally Terra e del Trofeo Nazionale Rally 3° zona, nonché sfida per i Trofei Monomarca di Citroen, Renault Clio e Twingo oltre al Suzuki Rally Trophy, riservato al modello Swift della casa nipponica.

 

Locandina Rally Adriatico

Locandina Rally Adriatico

I due principali campionati sono al rush finale, il campione in carica Umberto Scandola con la sua Skoda Fabia S2000 e il pluricampione Italiano Paolo Andreucci con la Peugeot 208 T16 ufficiale, cercheranno di mettere la parola fine al campionato sugli sterrati del “verdicchio”, però dovranno fare i conti con Giandomenico Basso, anche lui già Campione Italiano ed Europeo, con la Fiesta R5 alimentata a gpl il pilota veneto, che ha vinto due gare quest’anno è ancora il lizza per il titolo e cercherà l’impresa “storica”, cioè essere il primo vincitore di un titolo nei Rally con una vettura non a benzina. Il quarto “moschettiere” presente all’ Adriatico, è il giovane siciliano Andrea Nucita con la Peugeot 207 S2000 , rivelazione di inizio stagione con risultati esaltanti,peccato che problemi di budget non gli hanno permesso di fare tutto il campionato, da seguire anche il sammarinese Denis Colombini, gentlemen amante delle gare su terra, al via con una Ford Fiesta R5. Per il Trofeo Terra la “vecchia volpe” Renato Travaglia e la sua Peugeot 207 S2000 sono ormai ad un passo dal titolo,l’ennesimo di una lunga e sfavillante carriera. Ciliegina sulla torta sarà lo spagnolo Xavi Pons, già pilota ufficiale Citroen nel Mondiale, che non avendo vincoli di campionato, darà spettacolo con la Fiesta R5.

Paolo Andreucci

Paolo Andreucci

Si inizia sabato alle 19 con partenza da Piazza Cavour ad Ancona, per la disputa di due prove speciali con arrivo a Cingoli. Domenica si “riparte” sempre da Cingoli, alle 8,20 per le rimanenti nove prove che intorno alle 18 all’arrivo nel “balcone delle Marche” in Piazza Vittorio Emanuele,decreteranno il vincitore della 21° edizione del Rally dell’Adriatico e forse anche il Campione Italiano 2014.

Per tutti gli appassionati sul sito del Rally vi sono le cartine e gli orari,oltre all’elenco della sessantina di iscritti, per i più “pigri”, Rai Sport 2,si collegherà in diretta intorno alle 17,30 di domenica, oltre a servizi sulle varie piattaforme di Sky e su Nuvolari, altrimenti c’è PU24 presente direttamente sulle prove speciali.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>