Dalle emozioni del PalaDionigi alla presentazione per San Terenzio alla “Palla”: la Consultinvest si svela ai pesaresi

di 

19 settembre 2014

Vuelle 2014-2015 Consultinvest Giorgio Giommi e Danilo "Cami" BilliPESARO – Ufficiale: la Consutinvest VL Pesaro si presenterà alla città mercoledì 24, a San Terenzio, in piazzale della libertà alle ore 21. Dopo l’applaudita e partecipatissima prima amichevole nostrana, al PalaDionigi di Montecchio, con la perfetta organizzazione della famiglia Morelli, si preannuncia un altro caldissimo abbraccio.

La partita ha detto che c’è tanto da lavorare, ma questo si sapeva già dal primo giorno di raduno, perché è inevitabile che assemblare una squadra con nove giocatori nuovi su dieci, di cui sette esordienti nel massimo campionato, sia un compito che richieda tempo e pazienza, ma questa Consultinvest sembra avere il necessario talento per riuscire nell’impresa di salvarsi il prima possibile.

Non sarà semplice, perché l’esperienza non è una merce che si compra al mercato di Piazzale Carducci la terza domenica del mese, e quando i due punti conteranno davvero si dovrà giocoforza cercare il go-to guy al quale affidare il pallone nei momenti caldi del match, ma la buona notizia è che questa Vuelle sembra avere almeno tre carte da giocarsi sul tavolo da poker quando il dealer calerà il river, con Williams, Myles e Ross pronti a dire la loro quando la palla scotterà nelle loro mani: Kendall è il prototipo del nuovo modo di intendere il basket in questo decennio, con il suo fisico da 190 centimetri che gli consente di andare a cercare il contatto con l’avversario senza subirlo, riuscendo nel frattempo a coinvolgere i compagni anche se l’intesa perfetta è ancora molto lontana, Anthony Myles ha nel suo tiro da tre l’arma per aprire le difese e, per adesso, sembra giocare con la stessa faccia sia al primo che al quarantesimo minuto, qualità che potrà venire utile quando serviranno i suoi punti nel finale, mentre LaQuinton Ross, con il suo caracollare per il parquet, che ricorda un’ala che a Pesaro ha vinto un paio di scudetti, pur essendogli ancora anni luce lontano per rendimento, dà sempre l’impressione di poter battere l’avversario diretto facilmente ogni volta che vuole, con il piccolo problema che ancora non sappiamo se il talento corrisponda alla volontà.

Non sono dispiaciuti neanche capitan Musso, sempre in forma smagliante in questa fase della stagione e Nicolò Basile, vent’anni da compiere ma faccia tosta che fa ben sperare, mentre Juvonte Reddic dovrà risolvere qualche problemino fisico per aumentare il suo rendimento, ma finché fiato e ginocchio gli hanno consentito di stare in campo, ha fatto vedere numeri di buona fattura con pregevoli movimenti spalle a canestro e un buon uso della linea di fondo.

Qualche perplessità l’ha suscitata la coppia di ali piccole italiane, ruolo dove Tommaso Raspino dovrà alzare l’asticella del suo rendimento per competere con i pariruolo stranieri, cercando di non fidarsi troppo del suo tiro ondivago dalla distanza, per attaccare invece il ferro con decisione cercando il contatto con l’avversario, mentre a Nicholas Crow sono usciti un paio di tiri ben costruiti per un nonnulla, ma la voglia di ben figurare non gli manca, discorso più complesso quello su Wally Judge, apparso ancora spaesato e non completamente padrone dell’area colorata, nonostante le grandi doti atletiche che gli hanno consentito di piazzare tre o quattro stoppate sopra il ferro, manca ancora l’intesa con il suo playmaker e senza degli assist al bacio non sembra in grado di costruirsi un buon tiro.

Rimangono ancora da provare delle difese alternative a quella individuale, il pick and roll primario è lungi dall’essere efficace e anche la transizione dopo il rimbalzo difensivo necessita di miglioramenti, insomma c’è tanto da lavorare in questa nuova Consultinvest, ma la Vuelle messa sul parquet da Sandro Dell’Agnello e costruita da Stefano Cioppi, sembra in grado di non sfigurare nella corsa verso la salvezza, nonostante l’ultimo posto già assegnato alla Victoria Libertas da alcuni siti specializzati, l’anno scorso saremmo stati d’accordo con loro, in questo 2014 siamo leggermente più fiduciosi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>