Vis ko anche a casa degli ex: vince la Fermana grazie a Pedalino ma i pesaresi offrono una discreta prestazione

di 

21 settembre 2014

FERMANA – VIS PESARO 1-0
FERMANA (4-2-3-1): Lupinetti; Misin, Cusaro, Terrenzio, Marini; Piergallini (36′ st Filipponi), Ionni, Omiccioli, Nazziconi; Fabiani A. (13′ st Orsino), Pedalino (20′ st Costantino). A disp. Savut, Del Monte, Palmisano, Iacoponi, Gibellieri, Bracciotti. All. Di Fabio
VIS PESARO (4-4-2): Osso; Fabbri, Brighi, Pangrazi, Dominici G.; Torelli (5′ st Zanigni), Rossi (16′ st Dominici E.), Granaiola, Bugaro; Evacuo (18′ st Rossoni), De Iulis. A disp. Stefanelli, Mei, Vagnini, Filippucci, Vita, Pensalfine. All. Bonvini
ARBITRO: Provesi di Treviglio
RETI: 6′ pt Pedalino
NOTE: giornata estiva, terreno di gioco non in perfette condizioni, spettatori 500 circa con una cinquantina di tifosi pesaresi; espulso al 12′ st Fabbri per fallo da tergo; ammoniti Misin, Omiccioli, Cusaro, Dominici G., Bugaro; angoli 4-6, recupero +

 

Un'immagine di Fermana-Vis

Un’immagine di Fermana-Vis

FERMO – Quarantonevesimo derby della storia tra Vis e Fermana, che oggi si affrontano al Recchioni per un match valido per la terza giornata di serie D girone F. Entrambe le squadre hanno un punto in classifica. Ecco perché, nonostante siamo solo a settembre, i motivi d’interesse non mancano.

Fermana di Di Fabio con gli ex Omiccioli e Cusaro in campo dal primo minuto, mentre Costantino ritrova la panchina dopo il grave infortunio marzolino capitatogli proprio in maglia Vis (a Giulianova). Vis che invece recupera in extremis Giorgio Torelli, schierato da Bonvini all’ala destra. Nel 4-4-2 di partenza la novità rispetto a domenica scorsa è Niccolò Rossi, che agisce da interno di centrocampo assieme al tuttofare Granaiola. Fuori Rossoni, l’under del 1996 da schierare obbligatoriamente in campo è Evacuo, che di punta supporta De Iulis (il sacrificato è Zanigni). Arbitra Provesi di Treviglio, fischietto lombardo che due stagioni fa diresse la Vis a Macerata, dove ai tempi allenava Di Fabio. Prima dell’inizio, il capitano della Fermana Fabio Cusaro, come detto un ex, ha deposto una corona di fiori davanti alla gigantografia di Bruno Recchioni – storico capitano della Fermana, martire di guerra morto a Cefalonia assieme ad altri 5.000 italiani della Divisione Acqui – situata negli spogliatoi dello stadio che porta il suo nome. Poi tutti in campo. Il live:

PRIMO TEMPO

2′: primo angolo Fermana senza esito, sugli sviluppi di una bella azione di Pedalino deviato sulla parte alta della rete da Brighi.
5′: angolo della Vis, Rossi tocca corto per Bugaro, cross a centro area dove stacca De Iulis girando a rete: palla fuori di pochissimo, con Lupinetti che non ci sarebbe arrivato.
6′: Pedalino segna, con un pallonetto su Osso in uscita. Nell’occasione erroraccio della linea vissina che sale male senza riuscire a mettere in offside l’attaccante canarino. FERMANA 1 VIS PESARO 0… non ci voleva proprio.
9′: bella punizione conquistata sulla linea laterale, davanti alla tribuna centrale del Recchioni, da Rossi. Batte Bugaro, Terrenzio anticipa tutti ma per poco non fa autogol. Palla che finisce in angolo.
13′: occasionissima Vis: Fabbri sale a destra e rientra sul sinistro, cross perfetto per De Iulis a centro area che – solo soletto – gira di piatto destro ma il cuoio fuori di poco. Peccato. Gara piacevole, la Vis è sotto ma c’è.
17′: bella azione Vis, con De Iulis che di tacco prova a innescare Evacuo anticipato di un soffio, l’azione continua ma Lupinetti di piede si salva.
22′: angolo di una Vis intraprendente, Lupinetti devia coi pugni in tuffo, sfera a Rossi che prova un difficilissimo tiro volante che finisce tra le mani del bravo porrierino della Fermana.
24′: ammonito Cusaro, per un fallo a metà campo su Evacuo, non cattivo ma in ritardo.
25′: gara a ritmo altissimo molto bella finora.
27′: Pedalino vince il duello velocità e potenza su Pangrazi, tiro respinto da Osso coi piedi. Che rischio.
32′: fischiato un fuorigioco a Pedalino davanti alla nostra posizione: non sembrava esserci, visto che Pangrazi pareva tenerlo in gioco. Meno male, visto che l’attaccante si sarebbe presentato a tu per tu con Osso.
37′: tiro velleitario di Torelli dal vertice sinistro dell’area di rigore: Lupinetti para per i fotografi.
38′: ammonizione severa per Misin, schierato terzino destro per francobollare Bugaro. E’ il secondo a finire sul taccuino del signor Provesi di Treviglio. L’altro è Cusaro.
40′: altra occasionissima Vis, sugli sviluppi di calcio d’angolo Bugaro si trova a crossare basso solo solo, il pallone non viene deviato da Rossi ma finisce sui piedi di Torelli, che da buona posizione si fa respingere il tiro-cross. Vis molto bene in avanti, ma la Fermana è pericolosissima in contropiede.
44′: ammonito Bugaro per fallo tattico.
45′: ammonito anche Giovanni Dominici, per fallo di mano o presunto tale.
46′: tiro di Nazziconi deviato in corner da un difensore vissino. Finisce il primo tempo: FERMANA 1 VIS PESARO 0. Biancorossi sotto ma la prestazione finora c’è.

SECONDO TEMPO

1′: si ricomincia con gli stessi undici che avevano iniziato.
4′: Pedalino mette in mezzo per Fabiani, Fabbri sfiora l’autogol clamoroso. Sul corner successivo Fabiani non riesce a colpire in rete.
5′: esce Torelli, entra Zanigni. Vis che passa al 4-2-3-1.
9′: occasionissima Vis, con Bugaro che dal fondo mette a centro area per Rossi che da due passi manda fuori di un soffio. Che disdetta.
12′: espulso Fabbri per fallo da dietro su Omiccioli. Mamma mia che esagerazione. E’ il terzo rosso in tre partite di campionato, quarto su quattro match se si considera anche il derby di coppa Italia col Fano. Bonvini non cambia nulla, arretrando addirittura terzino De Iulis per qualche minuto.
14′: mancino di Omiccioli: Osso blocca in tuffo.
16′: esce Rossi, entra Eugenio Dominici.
20′: applausi per Costantino, che rientra in campo a meno di sei mesi dall’infortunio. Ultimo cambio anche per la Vis, con Rossoni che ha rilevato Evacuo.
23′: Giovanni Dominici recupera un pallone spazzatura dal fondo, palla a De Iulis che da due passi cicca il pallone clamorosamente. Sfera che finisce a Zanigni spalle alla porta, ma la punta romagnola cade a terra a contatto con Terrenzio. Proteste Vis… da rivedere.
30′: Vis generosamente in avanti ma con l’uomo in meno è dura… tremendamente dura.
34′: Bugaro sul fondo discesa da applausi, palla in mezzo per Zanigni anticipato da Terrenzio.
40′: contropiede Fermana, chiuso da Pangrazi in calcio d’angolo.
42′: grande azione di De Iulis che, come domenica scorsa contro la Civitanovese, si porta a spasso mezza difesa Fermana: Lupinetti, però alza il tiro da posizione più defilata di sette giorni fa.
45′: inizia il recupero: saranno 4 i minuti per le residue speranze vissine.
46′: Costantino-Ionni-Costantino: tiro alto ma l’attaccante ex Vis dimostra di essere tornato in palla.
49′: niente da fare. La Fermana batte la Vis 1-0. Buona la prova per i pesaresi che però vengono ancora sconfitti fuori dalle mura amiche del Benelli. I ragazzi di Bonvini hanno scatenato una discreta mole di gioco e diverse occasioni, ma non riescono a riequilibrare un match compromesso in avvio, con un errore difensivo che ha permesso a Pedalino di involarsi verso Osso e superarlo con un pallonetto.

2 Commenti to “Vis ko anche a casa degli ex: vince la Fermana grazie a Pedalino ma i pesaresi offrono una discreta prestazione”

  1. enrico scrive:

    le prestazioni sono tutte discrete ma un punto su 3 partite parla di una squadra materasso e di una croce che durerà tutta la stagione, ma ormai credo che siano in pochi a non averlo capito….

  2. Vecchia maniera scrive:

    Ripeto quello già detto. Se buone prestazioni producono 1 punto in 3 partite figuriamoci quando avremo brutte prestazioni…. Fatico a trovare 2 squadre più scarse di noi da considerare retrocesse, ma anche fare i play out con questa squadra equivale a morte certa.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>