Volley Pesaro, Matteo Bertini commenta l’esordio stagionale: “Ho tante alternative di valore. A Todi confermati i segnali degli allenamenti”. Prossimo impegno a Bologna

di 

21 settembre 2014

Bertini, Volley Pesaro. Foto Danilo Billi

Bertini, Volley Pesaro. Foto Danilo Billi

PESARO – Prima di tutto una correzione di quanto scritto nella cronaca della partita di Todi: il prossimo impegno amichevole del Volley Pesaro non è in programma a Serravalle di Chienti, ma a Bologna, dove la squadra allenata da Matteo Bertini disputerà un triangolare con le due squadre felsinee che milinao in serie B1. Sabato 27, le pesaresi giocheranno la seconda e la terza partita, affrontando prima la perdente della sfida tra il San Lazzaro, che milita nel girone B, e l’Idea Volley, inserita nello stesso girone di Salvia e compagne. a seguire, la sfida con la vincente del derby bolognese.

A Serravalle di Chienti il Volley Pesaro sarà di scena il successivo fine settimana, il 4 e 5 ottobre, nel quadrangolare con Ostia, Pagliare, entrambe nel girone C di serie B1, e la Lardini Filottrano, neo promossa in A2.

Tornando alla vittoriosa amichevole di Todi, è doveroso raccontare che la squadra umbra era reduce da una sconfitta (0-4) con la Gecom Security Perugia, dove peraltro era rimasta sempre in partita, pure perdendo tutti i parziali  (25-22; 25-20; 25-19; 18-16) e aveva tanta voglia di rifarsi. Pesaro però non gli ha concesso alcuna confidenza.

“Avevamo tante motivazioni anche noi  – commenta Matteo Bertini – perché dopo un mese di lavoro eravamo curiosi di sapere a che punto ci trovavamo nella costruzione del gioco. Uno dei nostri obiettivi è – da subito – la ricerca della continuità, che si trova solo spingendo sempre sull’acceleratore. Venerdì l’abbiamo fatto molto bene”.

I numeri raccontano che la sua squadra è stata molto positiva in ricezione. Merito delle ragazze arrivate quest’anno, ma anche vostro che le avete scelte.
“Una delle caratteristiche chiave nella costruzione della squadra doveva essere l’equilibrio. Bellucci e Zannini interpretano alla perfezione questa parola. Magari non sono appariscenti, ma aiutano a proporre un gioco molto veloce”.

Vista in allenamento, ma anche osservando le statistiche di Todi, dove, causa il recente infortunio di Isabella Di Iulio, la sola Ilaria Battistoni ha disputato tutti i set, mentre Salvia, Sestini, Mezzasoma e Babbi ne hanno giocati tre e Spadoni, Zannini, Bellucci, Bordignon e Battistelli si sono fermate a due, si ha la convinzione che il Volley Pesaro 2014/15 sia più lungo e più completo del precedente.
“E’ vero: le alternative a disposizione sono davvero valide e venerdì tutte hanno dimostrato di tenere bene il campo. Avevo avuto già, in allenamento, segnali importanti del valore della squadra, e non l’avevo nascosto. Questi segnali sono stati confermati dall’amichevole con Todi”.

Può spendere qualche parola su Ilaria Battistoni, che ha tenuto il campo molto bene, garantendo qualità in regia?
“Ilaria ha palleggiato tecnicamente molto bene, dimostrando che il campionato dello scorso anno a Gabicce non è un caso, ma una conferma del suo talento. Tatticamente deve crescere, anche perché deve conoscere meglio la sua squadra e soprattutto quello che fanno le avversarie contro le sue scelte. Ilaria è giovane, ma ha personalità e tecnica per riuscire nell’intento”.

Cosa intendeva dire affermando, a fine gara, che dovete migliorare alcune situazioni tattiche a muro?
“Nell’ultima settimana abbiamo lavorato su situazioni che sono andate bene in partita, ma i movimenti sono ancora da perfezionare. Credo, però, sia normale in questa fase della preparazione”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>