La Cgil Fp: “Ecco cosa faranno i dipendenti della Provincia di Pesaro Urbino”

di 

22 settembre 2014

PESARO – “Cosa faranno tutto il giorno i 540 dipendenti della Provincia che ogni mattina entrano nel palazzo di via Gramsci? La risposta alla domanda che troviamo anche sulla stampa locale è molto semplice: fanno esattamente quello che facevano prima.

La riforma (prevista dalla Legge 56/2014 ) infatti, per quanto riguarda il riordino delle funzioni degli enti locali, entrerà in vigore solo il 1° gennaio 2015.

A partire da quella data le funzioni che eserciteranno le Province saranno in gran parte simili a quelle attuali, ovvero: funzioni di pianificazione territoriale e coordinamento, tutela e valorizzazione dell’ambiente, pianificazione dei servizi di trasporto pubblico, autorizzazione e controllo in materia di trasporto privato, costruzione e gestione delle strade provinciali e regolazione della circolazione stradale nei tratti di competenza, programmazione provinciale della rete scolastica; raccolta ed elaborazione di dati, assistenza tecnico-amministrativa agli enti locali, gestione dell’edilizia scolastica, controllo dei fenomeni discriminatori in ambito occupazionale e promozione delle pari opportunità. .

Inoltre, sempre secondo quanto prevede la legge: cureranno lo sviluppo strategico del territorio e della gestione di servizi in forma associata; cureranno le relazioni istituzionali con province, province autonome, regioni, regioni a statuto speciale ed enti territoriali di altri Stati con esse confinanti.

Infine, la Provincia potrà (secondo quanto stabilito dal comma 87), d’intesa con i Comuni, esercitare le funzioni di predisposizione dei documenti di gara, di stazione appaltante, di monitoraggio dei contratti di servizio e di organizzazione di concorsi e procedure selettive.

Ma, ribadiamo, , tutto questo a partire dal 1° gennaio 2015.

Pertanto oggi i dipendenti delle Province fanno esattamente quello che facevano prima.

Lo fanno per uno stipendio fermo al 2009, con un salario accessorio quasi azzerato e ogni anno rimesso in discussione, senza neanche ricevere più i buoni pasto.

Tuttavia, occorrerebbe riflettere sul fatto che i 540 dipendenti della Provincia di Pesaro Urbino continueranno a svolgere il proprio lavoro in un clima dove molta parte dell’opinione pubblica, li ha già etichettato come lavoratori inutili, di un ente inutile.

Angela D’Alessandro

 

Responsabile Enti Locali – segreteria Fp Cgil Pesaro Urbino

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>