Dall’inferno della Liberia a Pesaro: il ritorno di Roberta Petrucci, pediatra per Medici Senza Frontiere: “Aiutateci, così possiamo sconfiggere l’ebola”

di 

22 settembre 2014

PESARO – Servono risorse, personale, ospedali da campo, posti letto. Servono soldi. La pesarese Roberta Petrucci, medico pediatra di Medici Senza Frontiere, è appena rientrata dalla Liberia dove per 5 settimane ha combattuto contro dolore e paura, dove il virus dell’Ebola è risorto ferocemente 6 mesi fa.  “Lavorare contro l’ebola è estremamente difficile  – racconta – sia sul piano medico, perché la nostra capacità è limitata, sia sul piano umano, perche’ e’ una malattia che provoca grandi sofferenze e molti dei nostri pazienti, donne, uomini, bambini, non sopravvivono. Tra la gente la paura e’ palpabile. Ma ogni guarigione e’ una festa e ci da’ la forza di andare avanti. Con l’aiuto di tutti, potremo continuare la nostra azione per salvare altre vite e fermare questa drammatica epidemia”.

Roberta Petrucci a destra insieme a una collega

Roberta Petrucci a destra insieme a una collega

I fondi raccolti dalla nuova campagna contribuiranno all’invio sul campo di personale specializzato, alla realizzazione di nuovi ospedali da campo, strutture d’isolamento e laboratori mobili per la diagnostica, alla distribuzione di kit medici e igienici su vasta scala, alle campagne di sensibilizzazione tra la popolazione e nelle strutture sanitarie locali. La donazioni al numero 45507 variano dai 2 euro per sms fino ai cinque euro per chiamate da rete fissa.

Roberta, 38 anni, dal 2008 con MDF, figlia dell’ex assessore provinciale Simonetta Romagna, vive a Ginevra ma venerdì tornerà nella sua Pesaro dove famiglia e amici l’attendono dopo la vacanza mai iniziata lo scorso agosto (MSF la chiamò in missione urgente). “C’è una procedura di sicurezza rigidissima prima di partire, quando sei lì e prima di tornare a casa – spiega, dopo la notizia della dottoressa francese di MSF che ha contratto il virus dell’ebola -. Il materiale che indossiamo rende difficile lavorare ma è indispensabile: viene indossato sempre in coppia proprio per evitare che uno dei due commetta errori. Ma il rischio non può mai essere zero. La paura è fondamentale: sarebbe da incoscienti non averne. Questa è stata sicuramente la missione più difficile a cui ho preso parte, è stato importante vivere in comunità con gli altri medici internazionale in modo da condividere emotivamente questa esperienza”.

Potrebbe interessarti anche: http://www.pu24.it/2014/08/13/ebola-pesarese-in-liberia-medici-frontiere-era-appena-torna-casa-per-vacanze-poi-chiamata-urgente-li-situazione-sta-andando-fuori-controllo/129434/

L'equipe di Medici Senza Frontiere in Libia con la tenuta da lavoro specifica

L’equipe di Medici Senza Frontiere in Libia con la tenuta da lavoro specifica

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>