A Fossombrone le donne in creta e bronzo di Bugarin continuano a colloquiare con le foto di Michelini

di 

22 settembre 2014

Professor Giancarlo Gori*

FOSSOMBRONE – Ancora per un po’, le donne in creta o in bronzo di Giancarlo Bugarin continueranno a colloquiare con le fotografie di Marco Michelini, sotto gli sguardi stupiti degli angeli in stucco, nella chiesa di San Filippo a Fossombrone.

La chiesa di San Filippo a Fossombrone

La chiesa di San Filippo a Fossombrone

La decisione di prolungare fino a domenica 28 la durata della mostra è la risposta necessaria al vivace interesse che l’iniziativa ha destato non solo nei forsempronesi, ma anche nei numerosi visitatori che in questa prima settimana si sono avvicendati nel suggestivo ambiente della bellissima chiesa barocca.

Ciò che colpisce, al di là del valore delle opere in sé , è l’abbinamento scultura-fotografia: cioè di due opere d’arte che pur avendo un notevole valore autonomo, tuttavia ne assumono uno ulteriore nel gioco di rimandi culturali e di suggestioni artistiche, che la reciproca vicinanza genera.

Rimandi culturali e suggestioni destinati a svanire quando le opere verranno separate, ma che il visitatore interessato avrà la possibilità di verificare ancora per una settimana.

*Archeologo Museo civico Vernarecci

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>