Arrigoni: “PesaroViva ma non troppo”

di 

24 settembre 2014

Fabio Arrigoni*

PESARO – Per gli ottimisti Pesaro doveva godere di frotte di turisti settembrini, secondo l’ambizioso progetto del sindaco, ogni sera Pesaro sarebbe dovuta diventare la capitale del divertimento tra musiche, ricchi premi e cotillon, e il tutto ovviamente pagato con i soldi dei contribuenti…. O meglio, con i soldi dei contribuenti che il Comune avrebbe risparmiato dal taglio dei dirigenti promessi, e come già sottolineato a più riprese non ancora resi pubblici. Oggi sarebbe importante conoscere le cifre spese per questo benedetto “prolungamento della stagione” al netto del preziosissimo lavoro di ripiazzamento delle sedie per garantire il posto a sedere alle folle oceaniche che popolano la movida pesarese offerto a titolo gratuito dall’assessore Belloni. Quanto si è fermato nelle casse comunali dai presunti tagli dei dirigenti (in essere da ottobre ci pare di capire dalle dichiarazioni del sindaco a tal proposito) dopo aver saldato musicisti, elettricisti e tutti gli addetti ai lavori per rendere Pesaro “Viva” e super affollata dalla marea di visitatori precipitatisi in città, non per ammirare i musei cittadini, non per conoscere la nostra storia, visitare l’abitazione del nostro illustre concittadino Rossini, o la nostra prestigiosa Rocca Costanza e per ammirare i nostri splendidi palazzi storici del nostro centro o per assaporare il nostro patrimonio enogastronomico tipico della nostra terra, ma per partecipare alla mirabolante “Pesaroviva”? Attendiamo di conoscere i mirabolanti risultati portatori di innumerevoli benefici in termini di “Marketing” di lavoro ed economici da questa genialata frutto di “Un delirio in una notte di mezza estate in riva al mare……”

*Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale Pesaro

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>